È il momento dei servizi in Apple

Siamo in un momento in cui le vendite del suo miglior prodotto, l'iPhone, sembrano aver raggiunto il picco e persino iniziato a soffrire, e Apple deve affrontare una nuova era in cui l'hardware continuerà ad essere di grande importanza, ma in cui sarà difficile ripetere i risultati di vendita degli ultimi anni.

Con una base di utenti invidiata da qualsiasi azienda e la loro lealtà quasi più tipica di una religione che di un'azienda tecnologica, è tempo che Apple ribalti la sua strategia e si concentri su qualcosa che può garantire milioni di dollari di entrate per i prossimi anni: Servizi.

Preparando la strada

Non è qualcosa di nuovo in Apple, che ha ampliato i suoi servizi per anni al punto che i suoi ricavi sono passati dall'essere qualcosa di quasi aneddotico nel 2013 (circa $ 4.000 milioni a trimestre) a costituire una delle principali fonti nel primo trimestre del 2019 con oltre $ 10.000 miliardi. In soli cinque anni il reddito da servizi è quasi triplicato, e quasi senza accorgersene.

Apple Pay, iCloud, Apple Care, Apple Music ... sono aziende che sono cresciute negli anni e che hanno fornito sempre più entrate. Ma è tempo di fare un salto più grande e di dedicarsi definitivamente a questo business, qualcosa che sembra essere quello che vediamo questo lunedì. Oggi ci sono 1.400 miliardi di dispositivi Apple attivi, tutti loro potenziali clienti di tutto ciò che Apple offre questo lunedì.

Apple Video, una nuova piattaforma

Sono passati mesi, direi addirittura anni, a parlare del servizio di streaming di Apple. A quel tempo, doveva già fare il cambiamento con la musica su iTunes e fare il salto alla musica in streaming. Ora è il turno dei film e delle serie televisive. Se Spotify rende le cose molto difficili per Apple Music, lo stesso accadrà ora con Netflix, il gigante dello streaming video e, in misura minore, con Amazon Video.

Tuttavia, la strategia di Apple potrebbe essere diversa da quella di Netflix. Apple potrebbe scegliere di diventarlo una piattaforma che comprende altri servizi, piuttosto che un servizio stesso. Ovviamente avrà le sue produzioni esclusive che attirano molti clienti, ma è difficile competere con le grandi case di produzione che già investono miliardi di dollari all'anno in prodotti per la televisione e il cinema.

Il mercato dell'audiovisivo è in continua evoluzione e se qualche anno fa chiedevamo l'arrivo in Spagna di un servizio di streaming, ora cominciamo ad avere problemi a scegliere a quale abbonarsi. I contenuti si stanno frammentando, inclusi Netflix, HBO, Amazon Prime Video e altri piccoli servizi di streaming, nei prossimi anni se ne aggiungeranno altri, ciascuno con il proprio contenuto in streaming. Se vuoi vedere i film Marvel, Star Wars o Pixar, non potrai più cercarli su Netflix o HBO, dovrai ad esempio assumere il servizio Disney +.

Articolo correlato:
Apple includerà pacchetti di canali nel suo servizio di streaming

Apple diventerebbe una piattaforma su cui poter contrattare i diversi servizi, presumibilmente a un prezzo inferiore attraverso i "pacchetti", e tutto questo racchiuso in un'applicazione e in un dispositivo. Non dovrai preoccuparti di dove sia la serie Game of Thrones o dove posso vedere l'ultimo film di Tarantino, perché tutto questo sarà centralizzato nell'applicazione TV che puoi usare sulla tua Apple TV, sul tuo iPhone e sul tuo iPad, e presto sulla tua smart TV. Almeno questo è quello che ci dice chi dice di sapere cosa presenterà Apple lunedì.

Notizie, giochi e carte di credito

Anche se sembra che il protagonista dell'evento del 25 marzo sarà il servizio di video in streaming, ci saranno altre novità che andranno a completare questo spostamento verso i servizi. Apple ha lanciato la sua applicazione News diversi anni fa e durante questo periodo ha preparato il suo servizio di abbonamento per questa applicazione. Paga un canone mensile che ti consentirebbe di accedere ai contenuti di pubblicazioni come Wall Street Journal e Vox, così come innumerevoli riviste.

Qualcosa di simile potrebbe accadere con i videogiochi dell'App Store. Un canone mensile che ti permetterà di accedere a una selezione di videogiochi di diversi sviluppatori su tutti i tuoi dispositivi. Dicono che Apple distribuirà il reddito a ogni sviluppatore in base alla durata dei loro videogiochi.

E infine, questo lunedì potremmo anche vedere una nuova carta di credito in Apple Pay, ma questa volta una carta di Apple. David Solomon, CEO di Goldman Sachs, dovrebbe essere presente alla presentazione di lunedì a presentare questa nuova carta che sarebbe disponibile solo all'interno di Wallet, l'applicazione di Apple per la gestione delle carte di credito. Apple Pay è ora disponibile in tutto il mondo con milioni di utenti che lo utilizzano ogni giorno, e perché restare con solo una piccola commissione quando puoi avere la tua carta per consentire alle persone di effettuare pagamenti.

Dubbi da chiarire

Tutto questo sembra ottimo, ma sono molti i dubbi da chiarire che vedremo risolti senza alcun dubbio in poco più di 24 ore. L'importante è conoscere gli accordi che Apple ha raggiunto con i principali fornitori di contenuti, non solo per il suo servizio video ma anche per l'applicazione Notizie e per quella tariffa fissa di giochi che dicono di aver preparato per noi. Ma non meno importante è conoscere la disponibilità di tutti questi servizi.

Dopo molto tempo dal suo lancio, le applicazioni TV e Notizie sono disponibili in pochi paesi al di fuori degli Stati Uniti (e uno di questi non è la Spagna). Il lancio di un servizio delle dimensioni che abbiamo descritto, limitato a un paio di paesi di lingua inglese, non fa bene, solo per frustrare gli utenti che ordinano al di fuori di quei paesi. La cosa peggiore è che abbiamo già visto quel filme temiamo che questo abbia la stessa fine.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile del trattamento: AB Internet Networks 2008 SL
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.