Anche Microsoft si unisce ad Apple a favore della privacy degli utenti

REDMOND, WASHINGTON - 17 LUGLIO: Un edificio nel campus della sede centrale di Microsoft è raffigurato il 17 luglio 2014 a Redmond, Washington. Il CEO di Microsoft Satya Nadella ha annunciato, il 17 luglio, che Microsoft taglierà 18,000 posti di lavoro, il più grande licenziamento nella storia dell'azienda. (Stephen Brashear / Getty Images)

Nella sua crociata contro l'FBI ea favore della privacy degli utenti, Apple ha un nuovo alleato: Microsoft. In questo modo l'azienda di Cupertino ha già ottenuto il supporto di alcune delle più importanti aziende tecnologiche al mondo, dal momento che il CEO di Google Sundar Pichai aveva già espresso su Twitter il suo sostegno alla lettera aperta firmata da Tim Cook. Jan Koum, fondatore di WhatsApp, è un'altra delle figure importanti dei servizi Internet che ha supportato il CEO dell'azienda di Cupertino.

In ogni caso, il supporto di Microsoft non arriva sotto forma di dichiarazioni di uno dei suoi amministratori, in caso contrario sostenere una dichiarazione RGS (Reform Government Surveillance), di cui Microsoft è membro fondatore. D'altra parte, non menzionano nemmeno Apple in modo specifico, ma comprendiamo tutti che la lettera di Tim Cook è stata la ragione della dichiarazione di sorveglianza del governo riformista.

Le società di sorveglianza del governo riformato ritengono che sia estremamente importante scoraggiare terroristi e criminali e assistere le forze dell'ordine elaborando richieste legali di informazioni per tenerci al sicuro. Ma alle aziende tecnologiche non dovrebbe essere richiesto di creare backdoor per tecnologie che mantengono al sicuro le informazioni degli utenti. Le società RGS continuano a impegnarsi a fornire l'assistenza delle forze dell'ordine di cui hanno bisogno, proteggendo al contempo la sicurezza dei propri clienti e delle loro informazioni.

Il gruppo RGS è composto da società come AOL, Dropbox, Evernote, Facebook, Google, Apple, LinkedIn, Twitter e Yahoo. È vero che Microsoft ha firmato solo una dichiarazione di un gruppo di società in cui è presente anche Apple, ma il CLO di Microsoft Brad Smith ha condiviso la dichiarazione su Twitter e il CEO di Microsoft Satya Nadella, l'ha ritwittato. Meno è niente.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

2 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile del trattamento: AB Internet Networks 2008 SL
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   andres suddetto

    CEO di Apple nono, microsoft. = O

    1.    Paolo Aparicio suddetto

      Ciao Andres. Corretto. Grazie per l'avviso.

      Saluti.