Apple Music dice che paga un centesimo per ogni riproduzione all'artista

mela Musica

Spotify e Apple Music sono al vertice dei servizi di musica in streaming. Sebbene la base di ascolto stia crescendo su Apple Music, Spotify è ancora il re. Con oltre 150 milioni di utenti Premium e più di 250 milioni di utenti ascoltati con la pubblicità, è leader in un mercato sempre più competitivo in cui gli artisti richiedono molta più rilevanza economica. In un comunicato stampa inviato da Apple Music ad artisti, produttori e case discografiche, è stata confermata la modalità di pagamento del servizio e si scopre che la Grande Mela paga un centesimo di dollaro per ogni riproduzione effettuata.

Apple paga un centesimo per ascolto, il doppio di quello che paga Spotify

La nota di Apple Music nasce per diversi motivi. Innanzitutto, in risposta a quello pubblicato da Spotify poche settimane fa in cui spiegava come il suo servizio premiava gli artisti. In secondo luogo, per continuare a mantenere sana trasparenza tra Apple Music e gli artisti, una missione importante di quelli di Cupertino che più volte hanno sottolineato che è molto importante per loro. E infine, per cercare di attirare la comunità artistica a investire sempre di più in contenuti esclusivi sul servizio di streaming musicale di Apple.

Articolo correlato:
iOS 14.5 porterà playlist personalizzate per oltre 100 città su Apple Music

Un centesimo per ogni ascolto è quello che Apple Music paga l'artista. Tuttavia, non tutto il grosso di questo denaro va all'artista stesso, ma ci sono intermediari: la casa discografica, gli editori, gli inserzionisti, ecc. Se lo confrontiamo con il modo in cui paga Spotify, vediamo che è quasi il doppio poiché Spotify paga tra un terzo e mezzo centesimo di dollaro per ogni ascolto. Tuttavia, il risultato finale è che Spotify genera molte più entrate dall'ampia base di utenti attivi di cui dispone.

Infine, dobbiamo anche evidenziare il origine dei pagamenti da parte di Apple Music che deriva intrinsecamente dal pagamento dell'abbonamento da parte degli utenti. Mentre Spotify ha una gran parte di inserzionisti che pagano per apparire come annunci agli oltre 250 milioni di utenti che non pagano per il servizio Premium.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.