Apple aiuta a chiudere il più grande sito di torrent Kickass Torrents

Kickasstorrentslogo

Le autorità statunitensi hanno arrestato il presunto proprietario del sito torrent più grande del mondo dopo che Apple ha condiviso i dati collegati al suo account iTunes, dati con i quali gli investigatori federali sono stati in grado di localizzare il sospetto. Come abbiamo potuto leggere in TorrentFreak, Artem Paulin, proprietario di KickAss Torrents, è stato arrestato ieri in Polonia accusandolo di essere dietro questa piattaforma torrent nota anche come KAT, che ha recentemente superato Pirate Bay. In KickAss Torrents potremmo trovare praticamente di tutto, dall'ultimo capitolo della nostra serie preferita, all'ultima versione di qualsiasi applicazione al di fuori di Windows o Mac, nonché qualsiasi canzone o album appena uscito sul mercato.

kickasstorrents

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha subito chiesto l'estradizione del 30enne Vaulin con l'accusa di violazione del copyright e riciclaggio di denaro. Il fulcro di questo arresto è stato fornito da Apple Fornendo i dati dell'ultimo acquisto effettuato in iTunes con il quale le autorità hanno potuto scoprire l'IP da cui era stato effettuato, lo stesso IP utilizzato per accedere all'account Facebook di KickAss Torrents.

Come possiamo leggere nella denuncia penale presentata alla Corte Federale di Chicago:

I log forniti da Apple hanno mostrato che tirm@me.com ha effettuato una transazione in iTunes tramite l'indirizzo IP 109.86.226.203 il 31 luglio 2015. Lo stesso indirizzo IP è stato utilizzato per accedere all'account Facebook di KAT.

KAT opera in 28 lingue e offre le ultime uscite che arrivano nei cinema entro poche ore dalla loro uscita, nonché altri contenuti con i quali ottiene entrate pubblicitarie significative. I ricercatori si sono presentati come inserzionisti per conoscere il conto corrente della società utilizzato da KAT. Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti stima che il valore attuale di KAT sia di $ 54 milioni, con entrate pubblicitarie annuali comprese tra $ 12 milioni e $ 22 milioni. KAT ha contribuito alla distribuzione di oltre un miliardo di file e video piratati.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

3 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile del trattamento: AB Internet Networks 2008 SL
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   scl suddetto

    Dov'è la privacy degli utenti che Apple ha difeso. Nel caso di un assassino, non forniscono informazioni. In questo caso, stava sicuramente facendo perdere loro denaro quando rivelano informazioni. È chiaro che il denaro è al di sopra dell'etica.

    1.    Paolo Aparicio suddetto

      Ciao, Scl. Non credo che quello che Apple ha fatto in questo caso, va avanti. Detto questo, inserire il tuo cellulare, dove hai le tue informazioni private, non ha nulla a che fare con la fornitura dei dati di acquisto di iTunes.

      Inoltre, non sappiamo se il DoJ conoscesse l'email di questo utente e abbia richiesto l'accesso alla sua lista della spesa. Ma questo non ha nulla a che fare con la fornitura di foto, contatti e, tanto meno, la creazione di una porta sul retro per consentire alle forze dell'ordine di camminare "come Pedro per casa sua" sui nostri dispositivi mobili. In altre parole, Apple ha offerto informazioni a cui hanno accesso e che non hanno MAI negato ufficialmente. Ciò che hanno rifiutato è l'accesso alle informazioni personali degli utenti.

      Saluti.

      1.    accurato suddetto

        Sono totalmente d'accordo con quello che dici, Apple ha fornito tutte le informazioni sul cellulare del terrorista contenute in iCloud, il problema era che le informazioni erano obsolete poiché il terrorista ha disattivato detta funzionalità un mese prima di effettuare l'attacco ... questo caso sicuramente stavano già dando seguito e hanno chiesto ad Apple le informazioni e loro, come detto prima, non negheranno informazioni che interferiscono con la legge ma non accederanno a un dispositivo con informazioni personali e non modificheranno il loro sistema operativo per farlo più incline agli attacchi degli hacker su semplice richiesta dell'FBI