Apple ha prodotto il 21% dei processori per smartphone nel 2015

Concetto A9 che non è mai stato realizzato

Secondo la società Strategy Analytics, Apple rimase con lui Tasso di mercato del 21% per i processori per smartphone nel 2015. In questa sezione, l'azienda guidata da Tim Cook sale al terzo cassetto del podio solo dietro MediaTek, con il 19%, e Qualcomm, che ha perso 10 punti ed è rimasta al 42%. I processori Snapdragon di Qualcomm sono utilizzati in un gran numero di smartphone, ma il 2015 è stato un anno di grande competizione per processori e aziende come Samsung sono riuscite a spedire il doppio dei chip rispetto a quelli spediti nel 2014.

Il futuro non sembra promettere cifre migliori per Qualcomm, essendo un'azienda molto importante nel mercato dei processori, Intel ha avuto una crescita del 66% nel 2015, il che dimostra che i produttori si stanno interessando ai loro processori. Anche così, i processori Intel erano presenti solo nell'1% degli smartphone nel 2015, il che non significa che non dovrebbero essere presi in considerazione per il futuro.

Percentuale-processori-smartphone

Ma per quanto riguarda il compresseApple è stata di gran lunga la società che ha introdotto il maggior numero di processori sul mercato. Come puoi vedere nell'immagine seguente, i processori dell'azienda di Cupertino hanno mantenuto il 31% della quota di mercato, fino a raddoppiare il 16% del suo inseguitore più immediato, Qualcomm.

percentuale-processori-compresse

In terza posizione Intel, con il 14%. MediaTek, sebbene non compaia più in classifica, è rimasto molto vicino al terzo posto di Intel.

Il 2015 è stato il primo anno in cui ha presentato un calo annuale dei chip per tablet. Secondo Strategy Analytics, i motivi di questo calo sono due: il primo è che gli utenti stanno sempre più optando per quelli che vengono chiamati phablet o tablet, cosa che non condivido, poiché questi dispositivi hanno uno schermo che è la metà di quelli che utilizzano compresse e non credo che siano un buon sostituto. Il secondo motivo che ci fornisce l'azienda che ha condotto lo studio mi sembra logico: gli utenti tengono i tablet più a lungo dei telefoni. Senza andare oltre, ho un fratello che usa ancora un iPad 2 e io stesso tengo il mio iPad 4, considerando solo una modifica all'iPad Air 3.

In ogni caso i numeri ci sono e colpisce come un'azienda che produce solo processori per i suoi prodotti rimanga con il 21% di quota di mercato negli smartphone e il 31% nei tablet.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile del trattamento: AB Internet Networks 2008 SL
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.