Apple concede tempo fino al 3 marzo 2020 affinché le app per bambini rispettino le nuove regole

Bambini Apple

Apple concede tempo fino al 3 marzo 2020 affinché le app per bambini rispettino le nuove regole. Esiste un nuovo regolamento abbastanza impegnativo per applicazioni e giochi destinati ai bambini. L'azienda ha fissato una scadenza per gli sviluppatori di queste app per modificarle e adattarle alle nuove linee guida.

Quando i genitori visitano la categoria Bambini nell'Apple Store, si aspettano le app che trovano proteggere i dati dei tuoi figli. Devono fornire solo contenuti appropriati alla loro età, richiedere una porta dei genitori per poter uscire dall'applicazione. E ovviamente, che richiedono sempre le autorizzazioni quando eseguono un acquisto integrato all'interno di detta applicazione.

È fondamentale che nessuna informazione di identificazione personale o informazione sul contenuto del dispositivo possa essere trasmessa a terzi e che gli annunci pubblicitari siano esaminati dal personale Apple per determinare se possono essere visualizzati o meno.

Le linee guida 1.3 e 5.1.4 descrivono in dettaglio una serie di regole molto importanti relative alle app nella categoria denominata Kids. L'azienda sta già collaborando con alcuni sviluppatori di applicazioni esistenti per aiutarli a soddisfare queste due nuove serie di standard.

Ovviamente, tutte le nuove applicazioni incluse in questa categoria di bambini devono seguire queste linee guida e raccomandano agli sviluppatori di aggiornare quelle esistenti alle nuove normative. Apple offre un margine di manovra per quelli già rilasciati e offre agli sviluppatori altri sei mesi per modificare le app esistenti.

Termine di sei mesi per le app esistenti

La scadenza scade il 3 marzo 2020. Se entro tale data Apple rileva all'interno del catalogo bambini un'applicazione non conforme alle nuove linee guida imposte, verrà rimossa dallo Store fino a quando non sarà modificata e verificata dallo staff di Cupertino.

Mi sembra una notizia fenomenale. È essenziale che ci sia uno stretto controllo sui contenuti dedicati al mondo dei bambini. È un altro fatto differenziale di Apple per quanto riguarda la libertà di contenuti incontrollati e dubbi che possiamo trovare nelle applicazioni Android su Google Play.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile del trattamento: AB Internet Networks 2008 SL
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.