Apple vuole che il Congresso decida sulla crittografia nella sua disputa con l'FBI

fbi

La battaglia di Apple con esso FBI in modo che le forze di legge non abbiano accesso ai dati degli utenti non è finita, tutt'altro. La società gestita da Tim Cook prevede di compilare e presentare memorie legali in cui chiederà al Congresso degli Stati Uniti di avere l'ultima parola nel caso del Crittografia iPhone 5c dell'attentato di San Bernardino che ha causato 14 morti alla fine dello scorso anno.

L'avvocato di Apple Theodore Boutrous Jr. ha ottenuto un'anteprima legale e argomenti dall'Associated Press che Tim Cook ha già espresso nella sua lettera aperta e nella successiva lettera ai dipendenti dell'azienda, in questa seconda affermando che il governo dovrebbe ritirare i tuoi reclami per non essere validi sotto il Tutti gli atti scritti dal 1789. Apple dice che il caso deve essere deciso dal Congresso.

La legge non può obbligarti a rimuovere la crittografia

Boutrous ha fatto eco ai sentimenti di Tim Cook, dicendo che la legge non autorizza il governo a creare una porta di servizio per i suoi dispositivi:

In realtà, il governo sta cercando di spingere i tribunali a fare ciò che non sono stati in grado di fare cercando di convincere il Congresso. Questo per dargli più autorità, chiedendo autorità per aiutare il Dipartimento di Giustizia a hackerare i dispositivi, avere una porta sul retro sui dispositivi e la legge semplicemente non lo autorizza.

bill-rights.png

Ed è che l'FBI non ci dice tutta la verità, non sono trasparentiVogliono qualcosa di più di quello che ci dicono e cercano di ottenerlo cercando di terrorizzare gli utenti, usando gli attacchi, i mezzi del terrore per cercare di manipolare l'opinione pubblica. E no, non sarà solo in un caso isolato. Ciò è stato dimostrato con le nuove richieste di sblocco 12 iPhone in più, una dozzina di dispositivi che non avevano niente a che fare con il terrorismo.

D'altra parte, vorrei rispondere alla domanda del pro-FBI in questo caso "Cosa devono nascondere coloro che sono contro l'FBI?" La risposta è molto semplice: ciò che appartiene a una persona deve essere quella persona. Se non abbiamo il diritto alla privacy e di insegnare ciò che vogliamo di noi stessi: Dov'è la nostra libertà? Parlando di Google e del suo modello di business, ho sempre detto qualcosa del tipo "Posso tenere perfettamente aperta la finestra di casa mia, vedere un vicino (migliore vicino di casa) che mi guarda e decidere se vado nudo o no". Con questo esprimo l'idea che non ho nulla da nascondere, ma lo voglio per poter decidere se mostro qualcosa ea chi lo mostro. Non mi passa per la mente né è mio desiderio che assolutamente nessuno può spiarmi senza il mio consenso, e questa è la possibilità che l'FBI sostiene con questo caso. E d'altra parte, e se ho qualcosa da nascondere, cosa? Qualunque cosa sia, è personale e voglio tenerlo nascosto a tutti. Quindi spero che Apple vada avanti e vinca questo caso: il personale deve essere personale. Punto.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

4 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile del trattamento: AB Internet Networks 2008 SL
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Mylo suddetto

    Non posso essere più d'accordo con te.

  2.   Brigida suddetto

    Bene, se non hai nulla da nascondere, che altro ti dà? Quello che devi fare è porre fine al terrorismo e ai terroristi per un cazzo di tempo,

  3.   Anthony suddetto

    La privacy è privacy e sono d'accordo che Apple non si arrenderà mai

  4.   pholdo suddetto

    Sono d'accordo che Apple non si arrenderà mai.