Il governo indiano acquista la tecnologia utilizzata per hackerare gli iPhone

Cellebrite

L'Indian Forensic Science Laboratory è in trattative per acquisire la tecnologia creata dallo sviluppatore israeliano di software mobile Cellebrite che lo abiliterebbe penetrare un iPhone aggirando tutte le misure di sicurezza implementate da Apple, compreso il codice di blocco e l'impronta digitale dell'utente che viene utilizzata tramite Touch ID.

La tecnologia sviluppata dall'israeliano Cellebrite era quella utilizzata dall'FBI per ottenere l'accesso al dispositivo iPhone del terrorista di San Bernardino, un caso che ha generato un'ampia polemica dopo che Apple ha rifiutato di ottemperare all'ordinanza del tribunale che la obbligava legalmente a facilitare l'accesso delle autorità a detto terminale nel quadro delle indagini di polizia.

L'India vuole entrare nel business dello "sblocco"

Quest'anno, le differenze tra Apple e le autorità governative, in particolare l'FBI, si sono acuite quando questa istituzione ha ottenuto un'ordinanza del tribunale che ha costretto Apple a sbloccare l'iPhone del terrorista di San Bernardino. L'azienda, guidata da Tim Cook, ha categoricamente rifiutato, sostenendo di non poter creare uno strumento che violasse i propri sistemi di sicurezza in quanto potrebbe finire nelle mani sbagliate. Insieme a questo, Tim Cook ha affermato che la privacy degli utenti è stata al primo posto e non ha esitato a descrivere questo diritto alla privacy come un "diritto umano fondamentale".

Quindi, l'FBI aveva bisogno di un terzo attore che fosse in grado di sbloccare un iPhone, questo iPhone del presunto terrorista, ed è così che è finito a collaborare con Cellebrite, una società con sede in Israele e dedicata alla sicurezza.

Come notato da MacRumors, Cellebrite ha lavorato con governi e forze dell'ordine "in tutto il mondo". La collaborazione tra l'FBI e Cellebrite sarebbe costata circa un milione di dollari.

Per cosa vuole l'India questa tecnologia di sblocco?

Ora è il governo dell'India che vuole entrare in possesso di questo sistema in grado di sbloccare un iPhone e, sebbene i termini di questo presunto accordo di acquisto tra India e Cellebrite non siano stati ancora fissati o, almeno, non sarebbero stati dati. sapere, Un funzionario non identificato che fa parte dell'Indian Forensic Science Laboratory ha dichiarato che il governo indiano dovrebbe entrare in possesso di questa tecnologia di sblocco molto presto., circa un mese.

“Probabilmente avremo la tecnologia in un mese o giù di lì. L'India diventerà un hub globale per i casi in cui la polizia non può accedere ai telefoni ", ha detto un alto funzionario dell'FSL. Tutti i funzionari hanno parlato a condizione di anonimato.

Come ha detto il funzionario dell'FSL, dopo che è stato effettuato l'acquisto della tecnologia Cellebrite, L'India mira a diventare il "centro globale" per tutti quei casi simili a quella avvenuta all'inizio di quest'anno tra Apple e l'FBI, dal momento che da quel momento il Paese indiano avrà lo "strumento completo" per aprire gli smartphone crittografati.

Sebbene le fonti non abbiano fornito ulteriori dettagli, l'obiettivo finale non sembra essere altro che il trading perché secondo queste fonti anonime di FSL, le richieste che riceveranno per sbloccare gli smartphone "avranno un prezzo".

Non è chiaro come l'India possa diventare un "hub globale" per lo sblocco degli smartphone poiché altri paesi e istituzioni potrebbero continuare a cercare la "collaborazione" dell'azienda Cellebrite.

La polemica continuerà

Nonostante il fatto che l'FBI alla fine non abbia trovato informazioni rilevanti sull'iPhone 5c del terrorista di San Bernardino, la tensione politica e tecnologica continuerà in futuro come secondo James Comer, direttore dell'FBI, la crittografia è una questione fondamentale nella lotta al terrorismo. In effetti, l'agenzia ha già iniziato a studiare le "opzioni legali e tecniche" di cui dispone per accedere all'iPhone dell'autore dell'accoltellamento nei centri commerciali del Minnesota avvenuto a metà settembre.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

2 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile del trattamento: AB Internet Networks 2008 SL
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   anonimo suddetto

    E mi chiedo, Apple non potrebbe acquistare Cellebrite SW, analizzarlo e vedere quale sistema usano per hackerare il telefono, in questo modo sarebbero in grado di proteggere la privacy degli utenti.

  2.   j4vier suddetto

    E se Apple creasse un'entità esterna, in questo modo per pubblicizzare un sistema che viola il proprio sistema operativo E quindi evitare i pregiudizi delle persone, guadagnare soldi con esso e dopo un po 'di patch il sistema sarebbe interessante hahahaha