Pegatron consente ai giornalisti di visitare per la prima volta il suo stabilimento di iPhone

Pegatron

Lo scorso fine settimana, Bloomberg ha pubblicato informazioni esclusive che gli sono pervenute dalla pianta Pegatron dalla Cina dove l'azienda assembla l'iPhone. La fabbrica principale di Apple in questo senso è Foxconn, ma Tim Cook e compagnia hanno deciso, come fanno di solito per non dipendere così tanto dalla stessa azienda, di distribuire i loro ordini, così Pegatron è entrato a far parte della filiera dell'iPhone.

Nel suo articolo, Bloomberg descrive come Pegatron ha gestito il carico di lavoro, monitorato le ore attraverso sistemi automatizzati o affrontato problemi di lavoro come gli straordinari. Sebbene la visita della stampa alla fabbrica possa sembrare normale, in realtà è il primo che pegatron consente ufficialmente ai giornalisti l'accesso alle sue fabbriche, una struttura in cui lavorano circa 50.000 persone. Soprattutto, hanno anche permesso di scattare foto per documentare tutto.

La stampa entra in una delle fabbriche Pegatron

I dipendenti di questo stabilimento sono tenuti d'occhio fotocamere con riconoscimento facciale e altri tipi di identificatori che consentono loro di sbloccare alcuni strumenti. Inoltre, devono anche passare attraverso i metal detector per verificare che non prendono nulla che possono filtrare in seguito. Secondo Bloomberg, un annuncio chiama i lavoratori alle 9:20 e stanno tutti lavorando e assemblando gli iPhone sei minuti dopo.

Alcune delle procedure di identificazione automatizzata sono utilizzate per impedire ai dipendenti di questo stabilimento di fare troppi straordinari e quindi rispettare le normative di Apple per la sua catena di approvvigionamento. Ed è che nell'ottobre dello scorso anno si è scoperto che la maggior parte dei dipendenti Pegatron lavorava più di 60 ore a settimana.

Dopo aver appreso le informazioni di cui sopra, non sorprende che non tutti i dipendenti dello stabilimento siano contenti. Bloomberg ha intervistato alcuni che hanno affermato che la maggior parte preferisce fare gli straordinari perché i salari sono bassi. Il problema è che le normative impediscono ai lavoratori di fare troppi straordinari e Apple, come qualsiasi altra azienda, deve rispettare le normative del paese.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile del trattamento: AB Internet Networks 2008 SL
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.