Un padre rivendica ad Apple 2.300 dollari spesi dal figlio

Un genitore ha citato in giudizio Apple per $ 2.500 dopo averlo capito suo figlio di 10 anni aveva speso quell'importo tramite pagamenti in-app del tuo iPhone.

Ancora una volta acquisti integrati e figli sono al centro delle polemiche dopo la denuncia di un padre che ha visto come suo figlio di 10 anni ha speso la cifra non trascurabile di 2.500 dollari sul suo iPhone dopo aver effettuato più pagamenti su TikTok. Il padre ha prima richiesto ad Apple la restituzione di quella somma di denaro, e dopo che la società ha rifiutato la sua richiesta, il padre si è rivolto ai media per dare maggiore rilevanza alla sua denuncia alla ricerca di una rettifica da parte della società.

Il padre. di cui conosciamo solo le sue iniziali "AH", ha raccontato la sua storia sul quotidiano britannico "Telegraph". I loro Il figlio di 10 anni, a cui è stato diagnosticato l'autismo e difficoltà di apprendimento, ha ricevuto in regalo un nuovo iPhone per Natale. Solo quattro giorni dopo, ha effettuato acquisti all'interno dell'iPhone per un valore di poco più di 2.000 sterline, più di 2.300 euro. Gli acquisti sono stati effettuati all'interno dell'applicazione TikTok, a pagamento di un "tiktoker" seguito dal figlio. Dopo essersi accorto di questa spesa, il padre ha subito chiesto il rimborso del denaro ad Apple e, dopo aver ricevuto una risposta negativa, si è recato dal quotidiano britannico per presentare la sua denuncia. Fu allora che un giornalista indagò sul caso e dopo aver parlato con TikTok e Apple, quest'ultima acconsentì a restituire l'intera somma di denaro.

Le censure del padre si basano sul fatto che Apple avrebbe dovuto rilevare attività sospette nel tuo account e avrebbe dovuto bloccare quei pagamenti. È abbastanza discutibile che un'attività svolta sul proprio dispositivo da una persona autorizzata venga rilevata come sospetta. Ancora più discutibile è il fatto che il genitore non attiverà nessuna delle restrizioni previste per i minori. Ma è meglio lamentarsi e incolpare qualcun altro piuttosto che assumersi la responsabilità delle proprie azioni.

Ricordiamo che Apple ha consentito da tempo la creazione di account per i minorenni che non possono effettuare nessun tipo di acquisto senza l'autorizzazione di un adulto responsabile. Questo padre è stato fortunato ed è riuscito a riavere indietro i soldi, sicuramente per evitare polemiche e maggiore copertura mediatica, ma vi consigliamo, se avete figli con dispositivi Apple, di controllare attentamente la configurazione dei loro account.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile del trattamento: AB Internet Networks 2008 SL
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.