Apple e la ricerca sanitaria: ResearchKit (II)

Qualche giorno fa vi ho parlato di uno dei kit di sviluppo più ambiziosi della Grande Mela: CareKit. Il centro di azione di questo kit è follow-up dei pazienti attraverso applicazioni focalizzate su diverse patologie. Apple fornisce agli sviluppatori i mezzi per creare app per guidare il paziente attraverso un team multidisciplinare di ingegneri, personale medico e sviluppatori. L'obiettivo finale di CareKit è seguire la diagnosi, aiutare ad aderire alle linee guida del trattamento e collaborare Kit di ricerca, il kit di cui parlerò oggi, basato sull'introduzione della ricerca medica.

La ricerca medica si impegna in iOS utilizzando ResearchKit

Kit di ricerca è un kit di sviluppo open source creato da Apple la cui missione è consentire a ricercatori e sviluppatori di creare potenti app per la ricerca medica. Questo sistema sta aiutando sia i team sanitari che i pazienti stessi a sviluppare risultati conclusivi per sviluppare studi che migliorano e promuovono l'evoluzione delle patologie studiate.

Le app create con ResearchKit hanno già portato a numerosi studi e conclusioni a una velocità e una scala senza precedenti. Questo successo ci ha portato a fare un ulteriore passo avanti con CareKit, una piattaforma di sviluppo di app che consente agli utenti di monitorare quotidianamente la propria salute.

Una delle chiavi di questo kit è composta da raccolta dati il che significa che migliaia di persone con patologie simili registrano i loro sintomi, i loro dati clinici, come si sentono ogni giorno ... tutti i dati memorizzati vengono filtrati e vagliati da team multidisciplinari, in grado di vedere i risultati in tempo reale al fine di migliorare gli studi e arrivare a soluzioni. Sebbene il lavoro di ricerca non sia facile, queste informazioni di massa sono utili per continuare ad avanzare.

E poiché ResearchKit funziona perfettamente con HealthKit, i ricercatori possono accedere a dati ancora più rilevanti per i loro studi, come il conteggio dei passi giornalieri, il consumo di calorie e la frequenza cardiaca.

Un esempio potrebbe essere il file autismo, un disturbo psicologico caratterizzato dall'intensa concentrazione della persona nel proprio mondo interiore che di solito viene diagnosticato a 5 anni. Con i progressi dei team che stanno lavorando su questo disturbo e ResearchKit, hanno raggiunto creare un'applicazione che ti permetta di rilevare l'autismo a 20 mesi. Come? Esponendo diversi video sullo schermo di un dispositivo e registrando le reazioni di un possibile individuo con questa patologia. Questi dati e la presenza di un team coinvolto stanno aiutando migliaia di persone a essere diagnosticate precocemente e rendono l'evoluzione del paziente molto più veloce.

Ci sono molte applicazioni disponibili nell'App Store compatibili con ResearchKit, come Salute dell'asma, un'app per asmatici che accede al GPS del dispositivo e avvisa questi pazienti in quali luoghi non devono visitare a causa della qualità dell'aria, oltre a memorizzare i dati per ottenere un trattamento personalizzato per ogni persona. Questi dati possono essere inviati da Kit di cura a un medico o alle persone che riteniamo necessarie. Va notato che gran parte di queste app sono solo nell'App Store americano perché ResearchKit non è arrivato così in profondità agli sviluppatori spagnoli. 

Un grande passo per la ricerca medica compiuta da Apple

Ciò che è chiaro è che Apple non ha voluto rimanere esclusivamente nel settore tecnologico. Vuoi essere in grado di aiutare le persone avvicinando la tua tecnologia. È il caso dei due kit di sviluppo di cui abbiamo parlato: CareKit e ResearchKit. Il motto della Grande Mela è che gli utenti non interpretano lo smartphone o il tablet solo come un altro dispositivo, ma come strumento che può migliorare la tua salute o fornire informazioni utili che possono migliorare la tua salute. 

t

Vedremo presto come Apple sviluppa più strategie e strumenti che continuano a promuovere questo obiettivo, come la notizia che sapevamo pochi giorni fa che un team segreto di ingegneri medici stavano lavorando al monitoraggio della glicemia senza un glucometro digitale, ma attraverso una tecnologia avanzata in grado di ottenere questi dati senza "pungere" i pazienti.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile del trattamento: AB Internet Networks 2008 SL
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.