Apple e Google forniscono maggiori dettagli sul loro sistema di tracciamento contro COVID-19

L'annuncio di Apple e Google uniscono le forze in modi senza precedenti per combattere il coronavirus non è stato senza polemiche, che ha costretto le due società ad elaborare e apportare alcune modifiche.

Per chi non fosse a conoscenza di questa notizia, Apple e Google hanno annunciato pochi giorni fa un accordo in base al quale entrambe le aziende e le rispettive piattaforme mobili, che rappresentano il 99% del mercato mondiale, stavano sviluppando un sistema che consentisse il tracciamento con il quale persone con cui abbiamo contatti durante il giorno in modo che se qualcuno di loro o noi stessi siamo stati infettati da COVID-19, una notifica sarebbe stata inviata a tutti i contatti che avevano avuto negli ultimi giorni. Entrambe le società hanno insistito sul fatto che la privacy sarebbe stata garantita in ogni momento, ma non hanno potuto evitare i dubbi delle autorità europee e americane, oltre a generare occasionalmente false notizie che anche alcuni media di grande diffusione hanno fatto eco.

Questo sistema utilizza la connessione Bluetooth dei nostri dispositivi, indipendentemente dal fatto che si tratti di dispositivi Android o iOS, da qui la necessità che entrambe le società abbiano concordato. La distanza tra i dispositivi verrà utilizzata per conoscere la distanza tra le persone che li trasportano, e questo può essere conosciuto dalla forza della connessione Bluetooth stabilita tra di loro. Inoltre, verrà preso in considerazione anche il tempo che trascorriamo con l'altra persona. Altri dettagli come se il nostro iPhone è collegato all'auto possono essere utilizzati per evitare falsi allarmi, poiché possiamo coincidere con una persona infetta ciascuna nella nostra auto ferma a un semaforo, senza il rischio di essere infettati.

Entrambe le società hanno modificato alcuni aspetti del funzionamento di questo sistema, come la crittografia utilizzata. I dati sono crittografati in modo che nessuno possa accedervi anche se è stato fatto con il nostro dispositivo, e invece della crittografia HMAC che hanno indicato all'inizio, finirà per utilizzare la crittografia AES, che secondo quanto riferito ha prestazioni migliori su tutti i dispositivi. Le chiavi di questa crittografia verranno generate in modo casuale e temporaneo, quindi la difficoltà di ottenere queste chiavi sarà massima anche utilizzando il reverse engineering.

il sistema salverà tutti i dati dei nostri contatti per 14 giornie nel momento in cui una persona viene registrata come positiva per COVID-19, smetterà di raccogliere i propri dati, poiché quella persona deve rimanere in isolamento. Gli utenti possono cancellare le informazioni memorizzate sui loro dispositivi in ​​qualsiasi momento, ricorda che si tratterà di un sistema la cui partecipazione è volontaria e l'utente potrà interrompere la partecipazione in qualsiasi momento.

Il sistema scaricherà i positivi COVID-19 una volta al giorno, informazioni che saranno gestite dalle agenzie competenti, e li confronterà con i contatti registrati sul nostro dispositivo. Questo controllo verrà eseguito sul nostro dispositivo, non in qualsiasi "cloud". Una volta verificato l'elenco scaricato, se qualcuno dei nostri contatti è incluso nell'elenco positivo, saremo avvisati immediatamente e ci verranno fornite istruzioni su come agire.

In una prima fase Apple e Google forniranno le API agli sviluppatori e dovremo installare le applicazioni affinché il sistema funzioni. Ciò avverrà per tutto il mese di maggio. È prevista una seconda fase in cui l'intero sistema viene installato sui dispositivi stessi, senza la necessità di installare alcuna applicazione, ma l'utente deve essere colui che attiva la funzione, non sarà qualcosa che funziona di default. Apple e Google hanno voluto evidenziare alcuni punti importanti per far capire che la privacy è garantita e che sarà qualcosa di completamente volontario.

  • Gli utenti dovranno attivare la funzionalità sui propri dispositivi
  • Possono disattivarlo in qualsiasi momento senza dover fornire una motivazione
  • I dati sulla posizione non vengono raccolti
  • L'identità dell'utente non è condivisa
  • L'identità del nostro Bluetooth viene modificata ogni 10-20 minuti in modo che non possiamo essere tracciati
  • Le notifiche di esposizione vengono effettuate sui nostri dispositivi, non vengono caricate su alcun cloud o condivise
  • Apple e Google potranno disattivare il sistema a livello regionale quando non sarà più necessario
  • Solo le organizzazioni di sanità pubblica possono avere accesso al sistema

 


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile del trattamento: AB Internet Networks 2008 SL
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.