L'FBI paga $ 15.000 a un'azienda israeliana per sbloccare l'iPhone dagli attacchi

Apple-FBI-Cellebrite

La telenovela tra FBI e Apple sembra non avere fine visto che l'argomento continua a far parlare di sé, anche se secondo le ultime notizie sembra che l'FBI ha smesso di cercare di convincere il Cupertino per sbloccare il dispositivo utilizzato da uno dei terroristi negli attentati dello scorso dicembre a San Bernardino.

Martedì scorso Apple aveva un appuntamento in tribunale per esporre i motivi per cui si rifiuta di sbloccare l'iPhone 5c utilizzato dai terroristi, ma un giorno prima della data l'FBI ha deciso di annullare l'appuntamento che ha dato origine a un buon numero di speculazioni al riguardo.

Il motivo principale per cui l'FBI ha annullato questa udienza sarebbe perché aveva già eseguito l'accesso o stava per accedere grazie a una delle tante aziende che si sono offerte di sbloccare il dispositivo. Tra tutte le aziende che hanno offerto, quella che attira maggiormente l'attenzione è stata McAfee, che tramite il suo fondatore, John McAfee, ha assicurato che in soli 30 minuti è stato in grado di accedere ai contenuti archiviati al suo interno, aggirando la protezione della password di Apple.

Ma a quanto pare l'FBI non ha selezionato questa compagnia per quello scopo, ma si è recata in Israele la società Cellebrite rompe la protezione e consente l'accesso a tutto il contenuto del terminale di uno dei terroristi. Secondo Reuters, l'FBI ha raggiunto un accordo con Cellebrite per hackerare l'iPhone 5c in cambio di poco più di 15.000 dollari. Come possiamo vedere nell'immagine sopra, la data in cui l'FBI ha assunto questo servizio era precisamente il 21 marzo, data in cui l'FBI ha sciolto l'udienza che Apple aveva programmato davanti al giudice.

$ 15.000 sono un sacco di soldi per sbloccare un singolo iPhone, quindi molto probabilmente questa società israeliana fornire il software necessario in modo che l'FBI possa sbloccare qualsiasi dispositivo bloccato da codice.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

12 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile del trattamento: AB Internet Networks 2008 SL
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Cessare suddetto

    Penso che il titolo sia sbagliato. Quello che paga (secondo il tuo testo) è l'FBI, non Appple.

    1.    Sala Ignazio suddetto

      Certo. Una scivolata che è stata accompagnata dalla fretta. Modificata. Grazie per l'avviso.

      1.    Cessare suddetto

        Ci scusiamo per tutto ciò che è stato generato. Non pensavo che correggere una parola avrebbe suscitato tanto scalpore 🙁

        1.    Cessare suddetto

          Causa. *

  2.   Aitor fiamme suddetto

    JAJAJAJAJ brutale Popi

  3.   Louis V suddetto

    1 - Titolo mal formulato
    2 - fonti? Stai affermando tutto ciò che commenti, cosa che ti piace fare molto su questo sito, ma come sempre senza fornire fonti o alcun tipo di informazione affidabile su cui fai affidamento.

    1.    anonimo suddetto

      Lo dico da molto tempo ma ho già rinunciato al fatto che criticare questo blog è stato inutile, molta pubblicità soprattutto nei suoi video, cattiva interfaccia del blog, con alcuni editori mancanza di fonti e argomenti, in alcuni articoli puoi vedere che credono di essere divini Resta con gli editori che ti fanno desiderare e appassionare questo dal mondo Apple.

    2.    Sala Ignazio suddetto

      Il titolo corretto era sbagliato.
      Per quanto riguarda le fonti. Hai letto correttamente l'articolo? Dice che la fonte è REUTERS.

  4.   Louis V suddetto

    Se non l'avessi letto, non ti avrei corretto ... come dice la fonte della notizia, questo non è stato confermato da nessuna parte, quindi dal momento che non appartieni all'FBI o alla stessa compagnia israeliana, non trovo il senso di affermare dati in notizie non confermate. Dovresti imparare a usare un po 'il condizionale, soprattutto quando la maggior parte delle notizie che pubblichi si basa su dicerie. E per la cronaca, non mi riferisco specificamente a questa notizia, ma praticamente a tutte quelle che si fanno sul web ... c'è una notizia con una voce su qualcosa, e con i titoli e le diciture che fai tu, tu confermalo.

    1.    ios 5 per sempre suddetto

      Che la fonte è Reuters!

      1.    Louis V suddetto

        E digli che la fonte è Reuters ... ..che sì, noioso. Quello che sto dicendo è che le aziende in questione non hanno confermato che si tratti del famoso cecchino iPhone, e che stanno dando notizia ovunque affermandolo.

  5.   Eldioni suddetto

    Mi piace come cancelli i commenti delle persone per creare post personalizzati per te, vivi la libertà di espressione della pagina, con commentatori come questo, la pagina perde molto