Fanno la coda davanti a un Apple Store per supportare Tim Cook a favore della privacy

coda-clienti-supporto-tim-cook

Immagine: FFTF

Potremmo non esserne consapevoli, ma il confronto di Apple con il governo del suo paese è uno dei momenti più importanti per la privacy degli utenti della storia di Internet. Sicuramente anche gli utenti in coda davanti ad un App Store non lo sapevano al 100%, ma hanno risposto a una protesta organizzata dal gruppo per i diritti digitali Fight for the Future (FFTF) contro la richiesta dell'FBI di aiutarli a sbloccare l'iPhone di un terrorista che ha ucciso 14 persone.

Tim Cook ha risposto all'FBI esprimendo la propria preoccupazione, affermando che nulla ci garantisce che quanto richiesto per un caso specifico non verrà utilizzato per un caso totalmente diverso. D'altra parte, e come ha sempre difeso, ricorda anche che se viene creata una backdoor per i governi, gli utenti malintenzionati la troveranno e la sfrutteranno, potendo ottenere tutti i nostri dati o addirittura utilizzare il nostro dispositivo a proprio vantaggio (inclusi fotocamera e microfono).

Gli utenti fanno la fila per supportare Tim Cook e difendere la loro privacy

L'organizzatore della campagna del fftfCharlie Furman ha affermato di aver organizzato l'evento per fare il punto su ciò che Apple sta facendo per la privacy della comunità su Internet e nel mondo reale, affermando che "È davvero importante che riteniamo le aziende responsabili quando stanno facendo qualcosa di sbagliato, ma dobbiamo anche supportarle quando stanno facendo qualcosa di giusto«.

Cindy Cohen del Electronic Frontier Foundation (EFF), era presente e ha detto che «Vogliamo mostrare ad Apple che le persone lo supportano. Se Apple si arrende, verrà qualcun altro e dirà "Apple, fallo per me". Come dirai di no la prossima volta?«.

Inoltre, l'LTFT è anche progettando di tenere dimostrazioni nazionali che si terranno martedì prossimo, 23 febbraio, quindi sembra che questo sia appena iniziato. In ogni caso, non voglio che nessun altro oltre a me abbia accesso ai miei dispositivi, o almeno che l'azienda che li offre provi a farlo. Cosa ne pensi?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

2 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile del trattamento: AB Internet Networks 2008 SL
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Alexander suddetto

    Nell'epoca in cui viviamo, è difficile trovare aziende come Apple.
    Ora salteranno e diranno che sono un fan di Apple.

    Quale azienda che vende elettronica di consumo, si preoccupa della sicurezza e della privacy dei propri clienti?

    Solo Apple ha questi valori.

  2.   Cesare suddetto

    Quale azienda vende e offre di meno per di più… Solo Apple, questa è la sua vera filosofia….