AirTag: tutti i trucchi, le impostazioni e le impostazioni

El AIRTAG Apple è un dispositivo che ha creato un bel po 'di curiosità tra i vari utenti della tecnologia in generale. Non saremo onesti, Apple non ha inventato nulla con AirTag, ha fatto ciò che sa fare meglio: prendere un prodotto esistente e renderlo il migliore sul mercato.

Esamineremo gli AirTag e ti parleremo dei migliori trucchi, utilità e impostazioni che troverai. per questo particolare dispositivo. Come sempre, in Actualidad iPhone vogliamo aiutarti a ottenere il massimo dai tuoi prodotti Apple.

Come sempre, il nostro collega Luis Padilla ha decompresso e analizzato l'AirTag direttamente sul nostro canale YouTube, quindi se non l'hai ancora visto, ti invitiamo a visitare il nostro canale e iscriverti per aiutarci a continuare a crescere.

Come funziona l'AirTag di Apple?

L'AirTag è un prodotto di 3,19 cm di diametro con un frontale in plastica bianca e un classico retro in acciaio inossidabile Apple. Ha uno spessore totale di 0,8 cm e il peso totale, inclusa la batteria, lo è 11 grammi. Per fungere da dispositivo di localizzazione, il file AIRTAG Ha diverse tecnologie wireless a bassa potenza nello stesso dispositivo.

  • Campo di applicazione: 100 metri utilizzando Bluetooth LE 2,4 GHz
  • Chip U1 con banda ultra larga
  • NFC

Iniziamo con Bluetooth LE (Low Energy) che ti permetterà di connetterti a qualsiasi dispositivo Apple compatibile con l'applicazione di ricerca come l'iPhone, l'iPad o il nostro MacBook. Come vantaggio, l'AirTag non discrimina i proprietari, ovvero si connette automaticamente a qualsiasi dispositivo Apple. Grazie alla tecnologia Bluetooth LE, questi AirTag comunicano con i dispositivi tramite identificatori crittografati a 128 bit, quindi in teoria la privacy è completamente garantita, cosa comune nei prodotti dell'azienda di Cupertino.

Come configurare AirTag

Procederemo in un primo contatto direttamente per rimuovere il nostro "pacchetto" AIRTAG e così mettersi al lavoro. Fatto ciò, si può passare a tirare la piccola plastica laterale, questo evita il contatto tra la batteria e il dispositivo così da non pregiudicare l'autonomia. Il dispositivo si attiverà automaticamente non appena rimuoveremo la pellicola di plastica, Lo sapremo perché emetterà un suono di conferma attraverso il suo piccolo altoparlante completamente integrato. Ora è il momento di mettersi al lavoro con la configurazione.

Basterà avvicinare il nostro iPhone all'AirTag e lo rileverà utilizzando la combinazione tra Bluetooth e NFC. Indica che abbiamo un AirTag da configurare come accade con AirPods e possiamo scegliere tra due alternative:

  • Veloce: Sceglieremo da un elenco una serie di funzionalità che potremo concedere all'AirTag e sarà compito del sistema assegnargli un nome e un'icona.
  • Personalizzato: In questo caso dobbiamo assegnare un nome, un'emoji per identificarlo e poco altro.

Da questo momento l'AirTag sarà collegato al nostro ID Apple in modo permanente, Per eliminarlo dovremo andare nelle impostazioni del dispositivo del nostro ID Apple e farlo manualmente. Questo non si ripristinerà anche se rimuoviamo la batteria, quindi non può essere "formattato" esternamente.

L'AirTag nell'app di ricerca

Il nostro dispositivo AirTag apparirà direttamente nell'applicazione di ricerca, l'epicentro di questo peculiare sistema di localizzazione. EÈ importante che sia installata la versione 14.5 di iOS o iPadOS per vedere la nuova scheda oggetti in cui tutti i nostri AirTag appariranno in modo ordinato. Solo allora saremo in grado di interagire con loro, quindi è il momento di aggiornare nel caso remoto non l'hai ancora fatto.

Ora se facciamo clic sul file AIRTAG che vogliamo vedere in particolare, apparirà un nuovo menu di opzioni, ma prima ci concentreremo su quelle che compaiono:

  • Aggiungi un nuovo oggetto: Nel caso in cui il nostro AirTag non appaia automaticamente quando ci avviciniamo tramite NFC, possiamo utilizzare questa funzionalità. Tuttavia, ci permetterà anche di configurare altri "motori di ricerca" che hanno una licenza MFi o sono compatibili.
  • Identifica l'oggetto trovato: Se siamo molto vicini a un AirTag, nostro o estraneo, possiamo fare clic su "identifica l'oggetto trovato", in modo che possiamo essere chiari su chi è il proprietario di quell'AirTag, i dettagli di contatto o qualsiasi informazione pertinente.

Come usare l'AirTag

Se facciamo clic sull'AirTag nell'applicazione di ricerca, ci mostrerà immediatamente la sua posizione sulla mappa. Tuttavia, abbiamo alcune altre funzionalità che analizzeremo in base ai pulsanti che appaiono sullo schermo:

  • Riprodurre l'audio: Se non siamo sicuri di dove sia l'AirTag, premendo questo pulsante si sfrutterà l'altoparlante integrato dell'AirTag ed emetterà un suono chiaro, sufficiente per trovarlo.
  • Ricerca: Se premiamo questo pulsante, verrà abilitato il famoso sistema che ci guiderà direttamente all'AirTag. La realtà è che funziona in modo un po 'impreciso, perde la connessione facilmente e funziona solo se siamo molto vicini all'AirTag.
  • Alla vecchia maniera: Questa funzionalità ci consentirà di avvisare i dispositivi vicini che l'AirTag vicino a loro è "perso". In questo modo, potranno vedere le nostre informazioni di contatto sul loro schermo quando lo rileveranno. Questa è forse una delle funzioni più rilevanti di tutto ciò che ospita il nostro AirTag.
  • Bussola: Se fai doppio clic sull'icona di navigazione sotto la «i» nella schermata di ricerca, eseguirà una calibrazione che ci permetterà di identificare esattamente in quale direzione è rivolto l'AirTag.

Oltre a questo, in questo menu potremo osservare nella parte in alto a sinistra la quantità di batteria che l'AirTag ha lasciato. La batteria durerà circa un anno ed è di uno standard classico per questo tipo di dispositivo. Allo stesso modo in basso potremo rinominare l'AirTag o cancellarlo definitivamente.

Questo è tutto ciò che devi sapere sul tuo nuovo AirTag, così puoi ottenere il massimo dal tuo questo particolare prodotto Apple che puoi acquistare a partire da 35 euro su siti web come Amazon.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile del trattamento: AB Internet Networks 2008 SL
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.