Ecco come funzioneranno il localizzatore Apple e gli occhiali

Potrebbero essere le sorprese della prossima presentazione del 10 settembre. Diamo per scontato che vedremo il nuovo iPhone e una nuova generazione di Apple Watch senza grandi novità se non per nuovi materiali come Titanio e Ceramica. Ma negli ultimi giorni si sono aggiunte nuove indiscrezioni due nuovi prodotti: un localizzatore e gli occhiali per la realtà aumentata di Apple.

Il localizzatore (Apple Tag?) Verrà utilizzato per posizionarlo su qualsiasi oggetto che potrebbe essere perso (uno zaino, chiavi, portafoglio, un bambino?) E poterlo localizzare in qualsiasi momento. Gli occhiali in Realtà Aumentata potrebbero essere il grande successo dell'anno. Come funzionerebbero questi prodotti? Lo vediamo di seguito.

Un perfetto localizzatore offline

Il localizzatore sarebbe un prodotto molto simile a quelli già offerti da Tile. Un piccolo dispositivo circolare, bianco, con il logo Apple al centro, che avrebbe connettività NFC e Bluetooth LE, qualche tipo di batteria o batteria, un altoparlante per poter emettere suono e quindi trovarlo quando siamo vicini e una versione ridotta di iOS all'interno per funzionare.

Ma la cosa più sorprendente sarà come funziona. Questo piccolo dispositivo può essere posizionato su qualsiasi elemento e può essere localizzato da qualsiasi luogo, senza avere la connettività Internet stessa. Come andrà? Come abbiamo spiegato l'altro giorno che la posizione dell'iPhone funziona quando non ha copertura in iOS 13.

Articolo correlato:
Come cercare il tuo iPhone, iPad o Mac anche senza connessione a Internet

Si connetterà tramite Bluetooth a qualsiasi dispositivo Apple che si trova nelle vicinanze, a chiunque passi, e quel dispositivo sarà quello che offre la sua connessione Internet in modo che tu possa localizzarlo da qualsiasi parte del mondo, non importa quanto sei lontano . Puoi fare tutto questo dall'applicazione "Cerca" fornita con iOS 13. Ci sarà una nuova scheda, "Oggetti" (articoli) dove potrai vedere tutti gli oggetti che hai contrassegnato con questo localizzatore.

Associare questi localizzatori al tuo account iCloud sarà semplice come accoppiare i tuoi AirPods o HomePod, avvicinando il tuo cellulare. Con questo gesto, chiunque lo trovi vedrà un messaggio sullo schermo con il nome del proprietario e le informazioni di contatto. Se il localizzatore è in modalità smarrito, questo gesto non sarà necessario, poiché quando qualcuno con un prodotto Apple si trova nelle vicinanze, riceverà un messaggio di avviso del prodotto smarrito e mostrando i dettagli di contatto.

Recensione di Tile Sport

Non solo questo, Possiamo anche vedere i nostri localizzatori utilizzando la Realtà Aumentata, con la fotocamera del nostro iPhone, qualcosa che ovviamente sarà disponibile anche con gli occhiali Apple, che potremmo vedere anche in questa presentazione e di cui parleremo ora in dettaglio.

Occhiali per realtà aumentata

Apple potrebbe anche presentare i suoi occhiali AR, sebbene sia qualcosa che è ancora messo in discussione dalla maggior parte delle persone con stretti contatti con l'azienda. Si è parlato addirittura di un dispositivo simile ai classici occhiali per realtà virtuale che già sappiamo. Forse il primo approccio di Apple alla Realtà Aumentata è con un accessorio che utilizza un dispositivo come l'iPhone e la sua nuova tripla fotocamera. Non c'è niente di chiaro al riguardo.

Ciò che si sa dai test interni che Apple ha condotto è questo ci saranno applicazioni preparate per "Stereo AR" (Stereo Augmented Reality) e che può funzionare in due diverse modalità: quando abbiamo il dispositivo in mano (iPhone) e quando lo abbiamo posizionato sul viso con l'aiuto di un altro accessorio. Alcune applicazioni già predisposte per Stereo AR sono Maps, Search e una nuova chiamata Quicklook AR che funzionerà con i contenuti web.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

3 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile del trattamento: AB Internet Networks 2008 SL
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Al suddetto

    L'idea del localizzatore mi sembra fantastica ma…. Perché un utente Apple dovrebbe rinunciare al proprio dispositivo come gateway in modo obbligatorio e senza addebitare ad Apple un servizio con cui guadagnerà?
    Ci pagheranno per la connessione dati, la disponibilità e l'utilizzo del nostro dispositivo?
    I proprietari dei dispositivi possono disabilitare questa funzione?

    Mi ripeto. L'idea è molto buona ma non credo sia giusto che vogliano fare soldi usando il mio iPhone e la mia connessione dati che mi sono costati i miei euro.
    Ora ... è tutto negoziabile ... che mi permettano di utilizzare i loro servizi di pagamento in cambio dei miei servizi. Spazio di archiviazione aggiuntivo per icloud, apple music ...

    1.    Luigi Padilla suddetto

      Il tuo dispositivo si trova sempre da solo e invia la posizione ad Apple, quindi memorizza quando parcheggi l'auto o ti dà suggerimenti in base alla tua posizione o accende la luce quando arrivi a casa se hai HomeKit con questa opzione. Non comporterà alcuna spesa aggiuntiva per te. Suppongo che ci sarà un'opzione per disabilitarlo se lo desideri, come puoi disabilitarlo ora.

      1.    Al suddetto

        Apple mi offre il servizio di localizzazione dei miei dispositivi è qualcosa che potrebbe interessarmi o meno.
        Ora, che Apple voglia utilizzare il mio dispositivo e la mia connessione dati per individuare dispositivi di terze parti senza il mio consenso è ciò che non capisco.
        Apple non mi offre lo spazio di archiviazione extra che pago per iCloud o Apple Music. Perché dovrei darti l'uso del mio dispositivo gratuitamente?