L'FBI conferma di aver avuto accesso all'iPhone, si ritira dal caso

FBI

Secondo il portavoce dell'FBI, le forze di sicurezza hanno sbloccato con successo l'iPhone 5c di proprietà di uno dei terroristi coinvolti negli attacchi di San Bernardino. Apple si rifiutava completamente di collaborare con il governo degli Stati Uniti d'America con l'intenzione che questo lavoro di sblocco venisse svolto da Cupertino e includesse backdoor. Tuttavia, la scorsa settimana l'FBI ha richiesto una sospensione del caso, tutto indicava che erano riusciti in qualche modo ad accedere ai dispositivi iOS, e lo hanno confermato oggi. L'FBI ha annunciato di aver sbloccato con successo il dispositivo iOS.

Non hanno dato più dati per farci trarre una conclusione da tutto questo, infatti non hanno parlato di chi li ha aiutati, anche se ieri abbiamo appreso che questo lavoro era svolto da un'azienda israeliana. L'FBI si è semplicemente limitato a informare nella dichiarazione che "ha acceduto espressamente ai dati archiviati sull'iPhone di Farook e non ha più bisogno dell'aiuto di Apple". Ora che l'FBI ha i dati sul dispositivo, ritirerà le sue azioni legali in corso contro Apple. Per quanto riguarda le informazioni archiviate da iPhone, è qualcosa che probabilmente non sapremo mai.

Nel frattempo il Dipartimento di Giustizia ha affermato che rimane una priorità garantire che la polizia possa accedere alle informazioni digitali di qualsiasi paura per proteggere la sicurezza nazionale e la sicurezza pubblica. Nel frattempo, continuerà a sfruttare tutte le opzioni che questo nuovo meccanismo offre loro, facendo affidamento sulla creatività sia del settore pubblico che di quello privato. Apple nel frattempo può già considerare risolta la questione, anche se non sappiamo fino a quando, dubito che ci vorrà molto tempo per tornare alla carica da parte del governo degli Stati Uniti.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

3 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile del trattamento: AB Internet Networks 2008 SL
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   vaderiq suddetto

    Ho sempre detto che è un circo armato. L'FBI ha sempre avuto e avrà sempre accesso a qualsiasi dispositivo connesso alla rete e Apple lo sa e accetta. La presunta "lotta" legale è più di una farsa.

  2.   Guadalajara suddetto

    Immagina se l'FBI fosse in grado di accedere a un iPhone apparentemente sicuro, quando pensi che chiunque possa accedere ora per acquistare un nuovo iPhone se uno potesse farlo, chiunque potrebbe essere senza la necessità di una porta sul retro se la porta sul retro è la stessa funzionante sistema dimmi che sono semplicemente codici o olgoritmi che il sanbe cattura non importa quanto sia sicuro ……… .. apple dovrà creare un nuovo sistema operativo un sistema corgroup non serve più solo a spiarti fidati di apple solo perché dice che è sicuro Non credo e scommetto che non c'era niente in quel cellulare che sarebbe stato toto quanto me per lasciare informazioni preziose così facilmente

  3.   Il servizio web è suddetto

    Si tratta solo di atteggiamenti, Apple è stata la fica "proteggere i dati degli utenti" e l'FBI ha ottenuto la chiave che è stata trovata sotto il tappeto per entrare nella loro casa, con un segno "l'ho lasciata cadere".
    Apple progetta i prodotti negli Stati Uniti, la NSA ha sicuramente qualcosa per decidere il design finale ... tutto il resto è una favola.