L'FBI non ha pagato Cellebrite, ma piuttosto un gruppo "cappello grigio" per sbloccare l'iPhone 5c del terrorista

FBI vs. Manzana

Che l' FBI Riuscire finalmente a sbloccare l'iPhone 5c del cecchino San Bernardino era qualcosa che già si sapeva. Si credeva anche di sapere chi fosse che lo ha aiutato a fare il lavoro, la società israeliana Cellebrite, ma quella era solo una voce. Si dice ora che colui che ha assistito le forze dell'ordine statunitensi fosse un gruppo di hacker indipendente senza un nome o una società da rappresentare.

Il Washington Post, citando fonti vicine al caso, afferma che un gruppo anonimo di hacker ha ricevuto denaro solo una volta per un file sfruttare finora sconosciuto iOS che è stato utilizzato per accedere all'iPhone 5c di Syez Rizwan Farook. In questo momento non si sa quale vulnerabilità abbiano utilizzato, ma fonti dicono che l'agenzia ha approfittato della falla del software per creare una soluzione hardware che disabilitava il contatore dei tentativi che si possono fare inserendo il codice in un iPhone.

L'FBI ha utilizzato un exploit sconosciuto per accedere all'iPhone 5c

Negli Stati Uniti si riferiscono a questo gruppo di hacker come "cappello grigio" di cui l'etica e le informazioni che forniscono sono discutibili. Il "cappello bianco" (cappello bianco) sono i ricercatori che trovano e segnalano le vulnerabilità, qualcosa che abbiamo visto in diverse occasioni negli hacker che creano gli strumenti per il jailbreak, sebbene lo facciano solo quando considerano che il difetto che hanno trovato è cattivo. D'altra parte, ci sono i "black hat" che usano i bug del software a proprio vantaggio. I cappelli grigi che hanno riscontrato questa colpa l'hanno venduta, ma almeno l'hanno venduta a qualcuno che in teoria ne farà sempre buon uso.

Né l'FBI né Cellebrite Non hanno commentato nulla su queste nuove informazioni. D'altra parte, le forze dell'ordine statunitensi non intendono dire ad Apple quale vulnerabilità hanno utilizzato. Se lo facessero, Tim Cook e compagnia risolverebbero presto il problema, quando ciò che interessa all'FBI è che sia presente per casi futuri. Apple ha detto che non avrebbe portato l'FBI in tribunale per costringerli a dire loro come hanno avuto accesso all'iPhone 5c, probabilmente perché sanno già come impedire loro di approfittare di quella particolare sentenza nel prossimo futuro. Vedremo cosa il prossimo episodio della soap opera Apple vs. FBI.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile del trattamento: AB Internet Networks 2008 SL
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   IOS 5 per sempre suddetto

    Azienda iraniana Cellebrite ????