I musicisti chiedono modifiche alla legge sul copyright per combattere la pirateria di YouTube

Taylor Swift contro YouTube

Dal suo lancio nel febbraio 2005, praticamente Youtube. è stato "il web" dove ogni utente carica qualsiasi tipo di video. Gli artisti caricano anche il loro lavoro sul sito di video che Google ha acquistato poco meno di due anni dopo il suo lancio e ce ne sono anche alcuni che sono diventati famosi grazie a YouTube, come Lindsey Stirling o, ancora meglio conosciuto, Justin Bieber, ma ora il Gli artisti chiedono modifiche alla legge sul copyright per impedire a YouTube di incassare il proprio lavoro senza essere pagato in modo equo.

La legge 1998 Digital Millennium Copyright Act protegge le pagine web che ospitano materiale di terze parti potenzialmente illegale, rendendo difficile costringerle a rimuovere tale contenuto. La legge attuale è vulnerabile agli abusi, soprattutto per i bot DMCA: a marzo Google ha dichiarato di aver gestito 75 milioni di richieste DMCA ogni mese solo per le ricerche, che è in contrasto con gli 8 ricevuti al mese all'inizio degli anni 2000. Se la legge cambia e l'applicazione del copyright si restringe, la loro influenza potrebbe diffondersi su Internet.

Gli artisti vogliono che YouTube li paghi di più per offrire il loro lavoro

James Grimmelmann, professore di diritto presso l'Università di Mayland, ha dichiarato al New York Times che "influenzerà il blogging. Colpirà i siti dei fan. Colpirà i siti per i creatori di giochi e documentari e tutte le altre classi«. D'altra parte, persone come il capo esecutivo della Recording Industry Association of America, Cary Sherman, dice che il file DMCA consente «una nuova forma di pirateria« perché i brani protetti da copyright che vengono rimossi possono essere facilmente ricaricati.

Il problema è così diffuso che dopo Taylor Swift Pubblicando il loro ultimo lavoro "1989", la Universal Music ha messo insieme una squadra a tempo pieno per non fare altro che cercare copie non autorizzate, che ha inviato richieste per il ritiro di circa 66.000 copie. Da parte sua, YouTube afferma che il suo sistema ContentID sta facendo un buon lavoro consentendo ai titolari del copyright di tenere traccia dei propri contenuti, con il 99.5% delle richieste di copyright effettuate tramite il sistema.

Con il lancio di mela Musica, le riproduzioni musicali in streaming sono aumentate notevolmente. Sono infatti molti milioni gli utenti che si sono iscritti a Spotify negli ultimi 10 mesi, quindi l'ultimo target di artisti è YouTube, una piattaforma video che è stata accusata in molte occasioni di pagare ad artisti pochissimi proprietari del contenuto che è offerto. L'unica cosa che posso dire è che spero che i più colpiti non siano i soliti: gli utenti.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile del trattamento: AB Internet Networks 2008 SL
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.