Il chip A11 protagonista nelle indiscrezioni sull'AirPower

Continuiamo a vedere nuove indiscrezioni sul possibile lavoro che Apple sta facendo con la già nota base di ricarica Potenza aerea. Ancora una volta protagonista delle indiscrezioni e delle fughe di notizie nel social network Twitter è questa base di carico demoniaca che ad un certo punto nel 2017 Apple ha presentato in un keynote ufficiale e che qualche tempo dopo ha completamente eliminato senza nemmeno essere commercializzato.

Ed è che quando parliamo di AirPower possiamo parlare solo di un file base di ricarica che molti utenti volevano vedere negli Apple store, che sicuramente pochi di loro avevano acquistato per un presunto "prezzo elevato" e che alla fine non abbiamo visto.

Ultimamente Jon prosser stanno trapelando notizie e voci di Apple sul suo account Twitter e molti media fanno riferimento a questo utente dopo che aveva avuto ragione nelle sue voci sul lancio dell'iPad Pro. In ogni caso questa volta Prosser dice che l'arrivo del chip A11 nel The L'interno della base di ricarica AirPower potrebbe risolvere i problemi di riscaldamento della stessa. Questo grazie al software in cui lavora un team di ingegneri di Apple in modo che la comunicazione tra la base di ricarica e il dispositivo sia più fluida.


Questa notizia è ancora solo un'altra voce, anche se vedendo l'insistenza di alcuni media e utenti sul lavoro che Apple farebbe in questa base di ricarica alla fine dobbiamo persino crederci. Apple potrebbe prepararne un secondo lancio per quest'anno dalla sua base di ricarica? Seguiremo da vicino le notizie che arrivano su questa base.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile del trattamento: AB Internet Networks 2008 SL
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.