Il linguaggio di programmazione Swift diventa open source

veloce

Quando Apple ha introdotto Swift Nel keynote di giugno 2014, ha detto qualcosa che è piaciuto agli sviluppatori: sarebbe open source. Questa era una promessa che non avevano ancora mantenuto, ma ad oggi il linguaggio di programmazione Swift lo è open source. Ciò significa che qualsiasi sviluppatore può scaricarlo e modificarlo a piacimento e persino utilizzare questo linguaggio per creare software commerciale, cosa possibile perché è stato rilasciato con la licenza Apache 2.0.

Swift, che attualmente è sul versione 2.0, è compatibile con i sistemi operativi Apple, iOS e OS X e con i sistemi operativi Linux. In altre parole, per programmare con Swift dobbiamo avere un sistema operativo basato su Unix installato, quindi Windows è escluso dalla lista dei sistemi compatibili. Qualsiasi sviluppatore con un solo computer Windows deve installare o creare una macchina virtuale da uno dei sistemi supportati.

Quando Apple presentò Swift alla World Wide Developer Conference nel 2014, volevano raccontarci quanto sarebbe stato facile programmare le loro nuove proposte. Una delle cose che è piaciuta agli sviluppatori è che viene utilizzato meno codice per eseguire la stessa funzione, il che alla fine significa che i nuovi sviluppatori devono memorizzare meno comandi e che ci vuole meno tempo per programmare. Rendendolo open source, sembra che Apple voglia che qualsiasi sviluppatore tragga vantaggio dai vantaggi del suo nuovo linguaggio di programmazione, quindi Swift può essere utilizzato per programma per Android, il principale rivale di iOS.

Apple ha lanciato un nuovo sito web per il progetto: swift.org. Da questo sito Web, gli sviluppatori possono scaricare tutti gli strumenti necessari per iniziare a programmare con Swift, come la documentazione tecnica e i collegamenti a GitHub dove possono scaricare il codice sorgente per la lingua. Qualsiasi proposta o contributo dovrà essere caricato su GitHub, ma i commenti verranno inseriti su swift.org.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile del trattamento: AB Internet Networks 2008 SL
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.