La tecnologia IMessage potrebbe costare ad Apple 2.800 milioni

iMessage

Apple dovrà andare di nuovo in tribunale: l'azienda Voip-pal ha annunciato ufficialmente cosa farà causa ad Apple per 2.800 milioni dollari in danni per violazione di brevetto della vostra tecnologia di comunicazione Internet. L'attore afferma che il totale è il risultato di un 1.25% di royalties per i benefici approssimativi che Apple ha ottenuto nei suoi prodotti che utilizzano, soprattutto, iMessage. Di quella percentuale, Voip-pal ha calcolato il 55% per l'iPhone, il 35% per l'iPad e il 10% per il Mac.

Voip-pal ha diversi brevetti in movimento, tra quelli provati per violazione o in attesa di registrazione, ma la maggior parte di questi brevetti sono legati alla sua tecnologia del protocollo Internet. Secondo l'azienda, Apple sta violando non uno, se non molti di quei brevetti su software come iMessage e FaceTime, il secondo per effettuare chiamate e videochiamate gratuite tra i dispositivi Apple.

iMessage e FaceTime, nuovo motivo di richiesta

In particolare, i dispositivi che utilizzano l'applicazione iMessage avviano una comunicazione tra un chiamante e un destinatario. Il destinatario può essere un abbonato ad Apple o un non abbonato. Nel caso in cui il destinatario sia un abbonato Apple, la comunicazione viene inviata tramite iMessage. Se invece l'utente non è un abbonato Apple o se iMessage non è disponibile, la comunicazione verrà inviata tramite SMS / MMS. Il sistema di messaggistica di Apple utilizza direttamente e / o indirettamente alcune rivendicazioni del brevetto 815 per determinare la classificazione di un utente e, di conseguenza, come deve essere gestita la chiamata.

Voip-pal ha consegnato la documentazione della causa il 9 febbraio, ma era in trattative con Apple fuori dai tribunali per vedere se potevano raggiungere un accordo, arrivando a considerare l'idea di vendere o concedere in licenza il suo portafoglio di brevetti. Il company dice che non è un file troll brevetto, sebbene non generi alcun tipo di profitto con loro e abbia anche fatto causa ad altre società come AT&T o Verizon.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile del trattamento: AB Internet Networks 2008 SL
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.