Justin Santamaría racconta come Steve Jobs ha reagito per la prima volta a FaceTime

La Pandemia di covid-19 La realtà dietro le videochiamate è cambiata e con esse l'attaccamento che abbiamo per loro. In effetti, dozzine di servizi di messaggistica integrano già le videochiamate come una funzione in più all'interno delle loro applicazioni. Nel caso dell'ecosistema Apple abbiamo FaceTime che è apparso per la prima volta nel giugno 2010 su iOS. Questa presentazione è stata fatta Steve Jobs, il fondatore ed ex CEO di Apple. In un'intervista con l'ex ingegnere Apple Justin Santamaría racconta come Jobs ha reagito a FaceTime la prima volta che ha visto lo strumento funzionare a pieno regime.

"Farò in modo che le persone si caghino i pantaloni": Steve Jobs su FaceTime

Ero nell'ufficio del mio capo con una squadra... e qualcuno era in un altro ufficio. Stavamo usando quattro computer impostati per andare, e ricordo di essere stato informato su quello che è successo, facendo finta che stesse andando bene. È un software beta, settimane prima del lancio... quando FaceTime ha emesso quel suono woom, è stato allora che è uscito dal woom nella vista 3D, e ricordo che Steve diceva: "Oh mio Dio, farò in modo che la gente si caga i pantaloni".

Questa è la reazione di Steve Jobs alla prima versione di FaceTime che Justin Santamaría racconta nel Podcast di Techmeme Ride Home. Santamaría ha guidato il team di ingegneri di iPhone e ha creato iMessage, FaceTime e il concetto di messaggi verdi e blu in Messaggi. Il suo tempo in Apple è terminato nel febbraio 2013 e ha intrapreso la creazione della propria azienda chiamata Future.

Articolo correlato:
Come effettuare una chiamata FaceTime con dispositivi Android o Windows

Al colloquio discute la reazione di Jobs alle prime beta di FaceTime. Apparentemente sentendo il familiare ronzio di FaceTime, Jobs ha visto un'ottima opportunità per innovare e riunire le persone attraverso i suoi prodotti. L'evoluzione del servizio è stata nota negli ultimi anni con il videochiamate di gruppo, la possibilità di effettuare chiamate con utenti Android o la possibilità di condividere lo schermo tramite SharePlay.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile del trattamento: AB Internet Networks 2008 SL
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   maqueropro suddetto

    Bene, con quanto bene iChat stava andando sul Mac, avrebbero potuto migliorarlo ed evitare quella cosa grottesca di dover affrontare il tempo e iMessage. Uno per i video e uno per i messaggi potendo averli entrambi su iChat!!!! Sì, Jobs, ci caghiamo i pantaloni ma per rabbia di fronte a tale stupidità!!!!