L'App Store rifiuta più di 40.000 applicazioni ogni settimana

App Store

Negli ultimi mesi si è parlato molto della possibilità che la società che gestisce Tim Cook possa essere costretta a farlo aprire la porta ad altri app store. Qualche giorno fa, Tim Cook ha visitato il podcast Ondeggiare dal New York Times, dove gli è stato chiesto riguardo a questo problema.

Tim Cook ha dichiarato che ogni settimana l'App Store riceve più di 100.000 domande di revisione. Tuttavia, poco meno della metà, 40.000, viene respinta. Il motivo del rifiuto è perché o non funzionano o non funzionano come affermato dallo sviluppatore.

In una determinata settimana, 100.000 app entrano nella revisione dell'app. 40.000 di loro vengono respinti. La maggior parte viene rifiutata perché non funziona o non funziona nel modo in cui dice di funzionare. Puoi immaginare se la cura fosse scomparsa, cosa che accadrebbe all'App Store in pochissimo tempo.

Kara Swisher, conduttrice del podcast, ha chiesto a Cook perché non potevano esserci app store gestiti da altre società o organizzazioni. La risposta di Cook era chiara: Apple ha creato l'ecosistema e merita di trarne vantaggio.

Apple ha contribuito a costruire un'economia di oltre mezzo trilione di dollari all'anno, mezzo trilione, e prende una quota molto piccola per l'innovazione che ha creato e per le spese di gestione del negozio.

Ha anche commentato il taglio nella commissione che viene intascato da Apple, è passato dal 30% al 15% tra gli sviluppatori che fatturano meno di $ 1 milione all'anno:

Come l'85% delle persone paga zero commissioni. E poi, con la nostra recente mossa con piccoli sviluppatori, gli sviluppatori che guadagnano meno di un milione di dollari all'anno pagano il 15%. A quanto pare, questa è la stragrande maggioranza degli sviluppatori.

Cook afferma di non essere favorevole a consentire agli utenti di installare direttamente le applicazioni, in quanto il modello di privacy e sicurezza verrebbe infranto che Apple ha creato con iOS sebbene affermi che l'App Store è aperto al cambiamento, che non è costruito con cemento.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.