Privacy differenziale: decideremo se condividere i dati con Apple

Privacy differenziale

Sebbene Siri sia stato il primo assistente virtuale a lavorare in modo decente sui dispositivi mobili, la concorrenza è riuscita a superarlo negli ultimi mesi. Il motivo non è altro che la raccolta dei dati: aziende come Google o Facebook raccolgono i dati degli utenti ei loro assistenti e programmi sono sempre più accurati. Per questo motivo, Apple ha dovuto spostare la scheda e lo ha fatto con Privacy differenziale, un sistema che raccoglierà dati rispettando le nostre informazioni personali.

Apple lo ha già dimostrato molte volte privacy dei tuoi clienti è molto importante. Per quel motivo si è rifiutato di creare un precedente sbloccando l'iPhone 5c del cecchino San Bernardino e per questo motivo hanno lasciato in chiaro anche il kernel di iOS 10, per poter correggere preventivamente le falle di sicurezza del sistema e che il Gray I cappelli non possono vendere gli exploit alle forze dell'ordine.

L'utilizzo della privacy differenziale sarà facoltativo

Apple inizierà a utilizzare la privacy differenziale a settembre, in coincidenza con il lancio di iOS 10. La tecnologia inizialmente aiuterà a migliorare QuickType ed Emoji Suggestions, Spotlight Suggestions e Notes Search Suggestions. Al momento del lancio, sarà limitato a quattro casi d'uso: nuove parole che un utente aggiunge al proprio dizionario, emoji scritti dagli utenti, collegamenti profondi all'interno delle applicazioni e suggerimenti di ricerca all'interno di Notes. Ma, non sorprende da Apple, Differential Privacy non sarà attivato per impostazione predefinita.

D'altra parte, lo dice Apple non useranno le foto che gli utenti hanno memorizzato in iCloud per migliorare la sua funzione di riconoscimento delle immagini di iOS 10, se non che faranno affidamento su altri dati per migliorare i loro algoritmi. Non hanno chiarito quali dati useranno; hanno appena detto che non useranno le nostre foto.

Considerando che far parte di Differential Privacy sarà facoltativo, consentirai ad Apple di avere accesso a determinate informazioni su di te?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile del trattamento: AB Internet Networks 2008 SL
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Bryan nuñez suddetto

    Dai, se si vuole migliorare lo sviluppo dell'intelligenza artificiale ... benvenuto nel mio dispositivo! Non è nemmeno che avessi informazioni compromettenti sul mio cellulare.