Nuova causa contro Apple. Questa volta dai sensori dell'Apple Watch

battito cardiaco

Apple è un'azienda che muove molti soldi, ma possiamo sempre usare il detto che "non vincerà per gli avvocati". Sono molte le cause legali che Tim Cook e compagnia ricevono, le più recenti, senza contare quella che commenteremo di seguito, erano legate ad un uso improprio delle connessioni iPhone, che ha comportato un maggiore consumo di dati e, in definitiva, un aumento del conto. Ora Apple affronta un file causa intentata da Valencell, sostenendo che Apple ha violato brevetti, utilizzato pratiche commerciali ingannevoli e violazione del contratto.

Secondo Valencell, la società di mele era molto interessata alla sua tecnologia per rilevare il polso, denominata PerformTek, nel 2013. Valencell ha quindi pensato che Apple avrebbe utilizzato questa tecnologia nell'Apple Watch. I due si sono incontrati nel 2013 e nel 2014 per discutere dell'incorporazione di PerformTek nello smartwatch di Cupertino. Come potrebbe essere altrimenti, Valencell ha mostrato ad Apple su cosa stava lavorando.

Per essere più precisi, Valencell ha mostrato ad Apple un prototipo di un orologio che utilizzava la suddetta tecnologia PerformTek. Successivamente, ha spedito diversi prodotti in modo che quelli di Cupertino potessero dare un'occhiata più da vicino al funzionamento di questo orologio. Valencell sostiene che Apple abbia mentito assicurandogli che c'era un accordo in cui Apple concederebbe in licenza l'Apple Watch con questa tecnologiaquando in realtà non aveva intenzione di farlo.

Una volta esaminato tutto il necessario, tutto secondo Valencell, Apple avrebbe considerato ciò che sarebbe stato loro più vantaggioso e avrebbe deciso che avrebbero ottenuto maggiori vantaggi violando i brevetti dell'attore anche se, come è successo, fossero stati citati in giudizio. Valencell dice che Apple ha ha violato quattro dei suoi brevetti, tutti relativi al sensore di frequenza cardiaca. Oltre ad Apple, Valencell ha anche citato in giudizio Fitbit per qualcosa di simile.

Non so perché, questo mi ricorda molto quello che è successo tra Apple e Xerox nei primi anni dell'azienda fondata da Jobs e Wozniak. Jobs ha chiesto di imparare a usare il mouse e subito dopo lo ha incluso nei propri computer. Mi ricorda anche un grande studio cinematografico, di cui non ricordo il nome, che andò a chiedere a un piccolo sviluppatore come funzionasse un programma che simulava il movimento dell'acqua con grande precisione, programma che finì per copiare e utilizzare in i propri progetti. Non ho intenzione di dire che Apple è un angelo, tutt'altro, ma quello che sto per dire è che dobbiamo stare più attenti con chi insegniamo il nostro lavoro. Fidandoti della persona sbagliata puoi perdere molto, fintanto che Valencell dice la verità. Apple, come al solito, deve ancora commentare questo.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile del trattamento: AB Internet Networks 2008 SL
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Truman jose suddetto

    Ho l'impressione che Apple sia un ladro di colletti bianchi