Perché Apple non ha già un iPhone pieghevole?

Mentre altri produttori continuano a vantarsi dei loro modelli di smartphone pieghevoli, Apple resta fuori dal mercato per questi tipi di dispositivi e, secondo indiscrezioni, mancheremmo ancora un anno o due per vedere il primo modello, se mai lo vediamo. Perché Apple non ha già lanciato questo tipo di smartphone?

Gli smartphone pieghevoli sono il futuro, o almeno è quello a cui vogliono farci pensare. Giganti del mercato della telefonia come Samsung, Huawei, Motorola e Microsoft hanno già presentato diversi modelli di telefoni con design molto variabili e risultati più o meno fortunati. Ma mentre le pubblicità televisive ci insegnano quanto sia "figo" un telefono piegato a metà per poterti registrare su Instagram senza bisogno di supporto, la realtà è che questi sono dispositivi che difficilmente si vedono per strada (Io non ne ho visti), con prezzi esorbitanti anche per un mercato che ha già prezzi altissimi, e ci sono molti dubbi che questa non sia altro che una moda passeggera che finisce con milioni di dollari investiti in R&D buttati nella spazzatura.

Apple, per vederli arrivare

Il colosso tecnologico di riferimento del mercato non si muove. Continua con il suo smartphone di punta dal design convenzionale e scommette sulle stesse caratteristiche che ne hanno segnato il successo fino ad ora: schermo eccellente, fotocamera eccezionale, qualità dei materiali superba e potenza senza rivali, il tutto a un prezzo che nella maggior parte dei casi supera quello di qualsiasi altro modello "TOP" della concorrenza, ma che viene comunque venduto a ruba. Mentre, il resto dei marchi si accontenta di dominare la fascia media e bassa del mercato, senza nemmeno poter sognare di avvicinarsi ad Apple nel suo regno nella fascia alta. È chiaro che a parità di prezzo l'utente preferisce un iPhone, ed è per questo che altri brand hanno optato fortemente per gli smartphone pieghevoli. Se vuoi un pezzo della torta di fascia alta, deve offrire qualcosa che Apple non offre.

Samsung ha già diverse generazioni di telefoni pieghevoli, con due concetti diversi: Galaxy Fold e Z Flip. Uno smartphone che si apre per essere un piccolo tablet e uno smartphone che si ripiega per stare in tasca. Motorola ha optato per la nostalgia con il suo Razr, un telefono di tipo "shell" con specifiche di fascia media ma un prezzo di fascia alta per il semplice fatto di essere pieghevole. Huawei, immersa in una caduta libera nel mercato della telefonia per via della sanzione degli Stati Uniti, non dimentica i foldable con i quali per molti è il più bello dei "foldable" che sono stati presentati finora, e non possiamo dimenticare Microsoft, che sebbene la loro cosa non sia un telefono pieghevole in sé (piuttosto due schermi uniti da una cerniera), sta anche facendo i suoi primi passi in questo mercato.

Quanti di questi modelli hai potuto toccare con mano? Probabilmente qualcuno ha potuto vederli di persona allo stand di una fiera tecnologica, o anche in un negozio di telefonia... ma quanti di voi hanno chiesto al proprio amico il flip phone per armeggiare con esso? Quanti di voi hanno acquistato uno di questi modelli? Ce ne saranno senza dubbio alcuni, ma pochissimi, troppo pochi per quello che dovrebbe essere lo smartphone del futuro, e con questi dispositivi siamo già sul mercato da 3 anni.

Troppi problemi, troppi dubbi

La sensazione con ognuno di questi modelli è che avrebbero dovuto rimanere come prodotti di prova sugli scaffali dei musei di ciascuno dei produttori. Non c'è bisogno di ricordare l'enorme quantità di problemi che hanno subito gli acquirenti del primo Samsung Galaxy Fold.. Anche coloro che sono stati in grado di testare il telefono prima che arrivasse sul mercato hanno già segnalato enormi difetti di progettazione. Non è una tecnologia semplice, e l'impressione è che ci sia ancora tanta strada da fare e tanti bug da risolvere.

Lanciare un telefono che non è pronto è un problema serio che Apple non può permettersi di soffrire. A nessun produttore dovrebbe essere concesso quel lusso, ma Apple ancora meno. E non mi riferisco solo all'immagine dell'azienda, che afferma di offrire prodotti di prima qualità ai suoi acquirenti, ma alla problema serio che comporterebbe la vendita di milioni di unità di un telefono difettoso. Quanti Galaxy Fold sono stati restituiti? Dubito che si raggiungerebbe un milione di unità. Apple nel primo weekend venderebbe diversi milioni di unità, e questo sarebbe un problema di dimensioni difficili da immaginare.

Un concetto poco chiaro che può passare di moda

E la prima cosa su cui i produttori di telefoni pieghevoli dovrebbero essere chiari è cosa vogliono offrire al pubblico, cosa vogliono convincerci che vogliamo, anche se noi stessi non siamo ancora chiari. Vogliamo un telefono che diventi un tablet? O vogliamo un telefono che si ripiega per scivolare in tasca? Non sono affatto chiaro, ed è che i due concetti hanno i loro problemi.

Un telefono che diventa tablet è, a priori, la migliore delle idee, poiché unisci in un unico dispositivo i vantaggi di due mondi diversi: smartphone e tablet. Quando voglio un telefono, lo lascio chiuso e quando voglio un tablet, lo apro. Fin qui tutto bene, ma in cambio devi portare un dispositivo molto spesso e pesante (come due smartphone insieme). Le cose non sembrano più così belle. E quando apriamo il telefono e lo trasformiamo in un tablet, quello che abbiamo è uno schermo quasi quadrato, il peggio del peggio per godersi i contenuti multimediali perché ne sprechiamo molto. In altre parole, che ho in tasca l'equivalente di due cellulari e quando voglio guardare un film mi risulta che vedo praticamente la stessa cosa come se avessi il mio solito cellulare?

L'altro concetto potrebbe quindi avere più successo: un telefono che pieghiamo per metterci in tasca. Quindi ho un dispositivo quadrato che quando voglio usare devo aprire. Ha un minuscolo schermo una volta piegato che mi fa vedere le notifiche che ho ricevuto... ma poco altro. E quindi ogni volta che voglio fare qualcosa dovrò aprirlo, e richiuderlo quando vorrò rimetterlo in tasca. Sta iniziando a sembrarmi un'idea "non così buona". A ciò aggiungiamo che quando sarà piegato per riporlo in tasca si gonfierà molto di più, di nuovo avremo due smartphone insieme, non più così lunghi, più rifilati, ma di spessore sì.

Quale dei due concetti sceglierei? Con nessuno, ed è qui che sta il problema principale con gli smartphone pieghevoli: non so davvero se voglio un telefono pieghevole. Perché i brand mi bombardano e mi dicono cosa voglio, e gli spot televisivi, le pubblicazioni su YouTube e Instagram sono molto cool, ma non sono sicuro che tra qualche giorno non mi stancherò di quel dispositivo. I telefoni pieghevoli sono davvero il futuro? O sono più simili a televisori 3D o schermi curvi? Solo il tempo lo dirà.

E Apple sta aspettando

Apple sta lavorando su diversi modelli di telefoni pieghevoli. Ha diversi prototipi e sta ricercando materiali e tecnologie che possano farne il prossimo iPhone. Ma è anche consapevole di non poter commettere gli stessi errori della concorrenza, ed è per questo che sta aspettando. Perché più passa il tempo, più raffinate sono le tecnologie necessarie alla realizzazione di questi prodotti, più errori avranno commesso gli altri e più Apple avrà imparato e, soprattutto, più chiaro avrà quale concetto di smartphone pieghevole desidera l'utente, se ne vuoi.

Le voci Indicano il 2023 come l'anno in cui Apple potrebbe lanciare il suo primo iPhone pieghevoleAlcuni dicono che non sarà fino al 2024 quando lo vedremo. E altri dicono che non vedremo nessuno smartphone pieghevole perché questo tipo di prodotto verrà dimenticato prima o poi. Continueremo ad aspettare e ve lo diremo tempestivamente.

 


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile del trattamento: AB Internet Networks 2008 SL
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.