Questa è la spiegazione del perché il Visual Organizer di iPadOS 16 supporta solo il chip M1

Visual Organizer in iPadOS 16

Apple di solito limita alcune sue opzioni nuovi sistemi operativi all'hardware più vecchio. La spiegazione di ciò è duplice. Da un lato, incoraggia gli utenti a rinnovare i propri prodotti per stare al passo con le ultime notizie. D'altra parte, la potenza e la complessità delle nuove funzionalità a volte richiedono hardware specifico che i dispositivi meno recenti non dispongono. È il caso, ad esempio, di Visual Organizer in iPadOS 16. Questa funzione È compatibile solo con iPad con il chip M1 e Apple ha spiegato il perché: la complessità della funzione richiede troppe risorse.

I requisiti elevati per Visual Organizer in iPadOS 16 ne limitano la disponibilità

Il multitasking non è mai stato così facile. Ora puoi ridimensionare le finestre in base a ciò che stai facendo e, per la prima volta su iPad, vederle sovrapposte.

iPadOS 16 introduce un miglioramento sostanziale nell'ecosistema. Dopo molti anni di esposizione di notizie complesse in iPadOS, Apple ha consentito la sovrapposizione di finestre e applicazioni. Lo fa attraverso una funzione chiamata Organizzatore visivo. Questo organizzatore ci consente di avere gruppi di applicazioni sul lato che possiamo avviare semplicemente facendo clic su di essi.

Articolo correlato:
iPadOS 16 arriva carico di novità tanto attese

Inoltre, Visual Organizer è compatibile con i monitor esterni, quindi la funzione migliora ancora di più quando lavoriamo in modalità multischermo. Possono essere lanciati fino a otto applicazioni alla volta il che significa una grande quantità di potenza e complessità per le risorse dell'iPad. Questa è una delle opzioni perché la nuova opzione di iPadOS 16 ha raggiunto solo l'iPad con il chip M1, ovvero: iPad Air (5a generazione), iPad Pro da 12,9 pollici (5a generazione) e iPad Pro da 11 pollici (3a generazione).

Noi di Digital Trends si chiedevano qual era il vero motivo per limitare l'opzione al chip M1 e questa è stata la risposta di Apple:

Secondo la società, Visual Organizer è limitato ai chip M1 principalmente a causa della nuova funzione di scambio rapido della memoria di iPadOS 16, ampiamente utilizzata da Visual Organizer. Ciò consente alle app di convertire lo spazio di archiviazione in RAM (in modo efficace) e ogni app può richiedere fino a 16 GB di memoria. Poiché Visual Organizer ti consente di avere fino a otto app in esecuzione contemporaneamente e poiché ogni app potrebbe richiedere 16 GB di memoria, richiede muchos significa. Pertanto, la nuova funzionalità di gestione delle finestre necessita del chip M1 per prestazioni fluide.

Vale a dire, il chip M1 ha la potenza necessaria e sufficiente per gestire le risorse di Visual Organizer. È chiaro che quando il chip M2 arriverà nell'iPad Pro, supporterà anche questa funzione e potrebbe anche essere più potente poiché il salto da M1 a M2 include miglioramenti significativi.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

2 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile del trattamento: AB Internet Networks 2008 SL
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   homus suddetto

    Certo, ecco perché... non spetta a te comprare un nuovo iPad.

  2.   pableteje suddetto

    La vera spiegazione è: “obsolescenza programmata”