Sonos presenta la sua nuova soundbar "Ray" più conveniente ma con la stessa qualità di sempre

Sonos ha presentato le sue novità e ci porta un nuovo speaker per il nostro soggiorno che ci renderà goditi film e serie con il miglior suono ma a un prezzo più conveniente. Ci ha anche presentato il suo assistente vocale e nuovi colori per Sonos Roam.

Sonos Ray, la nuova soundbar per tutti

Sonos ha aggiunto un nuovo altoparlante al suo catalogo di fantastiche soundbar. Sonos Beam e Sonos Arc sono ora affiancati dal nuovo Sonos Ray, una soundbar più compatta che promette un qualità del suono superiore per godere appieno dei nostri contenuti multimediali in soggiorno o in camera da letto, oltre a poterlo utilizzare come speaker per ascoltare musica grazie all'integrazione con Apple Music e Spotify, e alla compatibilità con AirPlay 2.

Il suo suono compatto non dovrebbe ingannarci secondo Sonos, poiché utilizzerà l'ambiente circostante per proiettare il suono in tutta la stanza, oltre al sistema Base Reflex per controllare i bassi. Mantiene anche le caratteristiche che apprezziamo di più dai modelli più costosi, come miglioramento della voce in modo da poter ascoltare chiaramente i dialoghi anche nella maggior parte dei film d'azione, e modalità di funzionamento notturno che riduce l'intensità dei suoni più forti di notte per evitare di disturbare gli altri membri della casa o i vicini.

Certo che lo ha Connettività Wi-Fi ed Ethernet, per poter riprodurre direttamente la musica dai principali servizi di streaming o inviare i contenuti che riproduciamo sul nostro iPhone o iPad tramite AirPlay. I controlli della soundbar sono tattili e si trovano in alto, e possiamo anche controllarlo tramite l'applicazione Sonos dal nostro iPhone o iPad.

Cosa perdiamo rispetto ai modelli superiori? Questo Sonos Ray ha solo connessione ottica, quindi perdiamo la compatibilità con segnali audio di alta qualità come Dolby TrueHD, DTS HD Master Audio o Dolby Atmos. In cambio avremo compatibilità con i vecchi modelli di televisori che non hanno uscite eARC, necessarie per quei suoni di alta qualità. Perdiamo anche il microfono, quindi questa soundbar non può essere controllata direttamente dalla voce, sebbene possiamo farlo tramite il nostro smartphone. Pur non avendo una connessione HDMI, possiamo utilizzare il nostro solito telecomando per controllare il volume grazie ad un ricevitore a infrarossi posto sulla parte anteriore.

Il nuovo Sonos Ray sarà disponibile dal 7 giugno e avrà un prezzo di € 299, ben al di sotto dei 499€ del Sonos Beam o dei 999€ dello spettacolare Sonos Arc, il fiore all'occhiello.

Nuovi colori per Sonos Roam e nuovo assistente vocale

Da giugno avremo a casa un nuovo assistente vocale. Attraverso la dicitura "Hey Sonos" possiamo controllare i nostri altoparlanti Sonos, purché dotati del chip S2, e con il vantaggio che tutta l'elaborazione dei nostri comandi sarà effettuata nello speaker, non ci sarà alcuna connessione ai server e nessun clip audio verrà inviato per l'analisi. Questo assistente sarà compatibile con Apple Music e Amazon Music, ma al momento non sappiamo nulla di Spotify. Al momento sarà disponibile solo in inglese, la versione francese è già stata confermata per entro fine anno ma di spagnolo non sappiamo nulla.

Infine, sono state presentate le nuove colorazioni per gli altoparlanti portatili Sonos Roam. Con connettività Wi-Fi e Bluetooth, assistente vocale e compatibilità con i principali servizi di musica in streaming, tra cui Apple Music e Spotify, ora possono essere acquistati (d'ora in poi) anche in tre nuovi colori: Olive, Sunset e Wave.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile del trattamento: AB Internet Networks 2008 SL
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.