Spotify raggiunge i 155 milioni di abbonati paganti

L'azienda svedese Spotify ha annunciato i risultati commerciali corrispondenti all'ultimo trimestre del 2020, in cui lo ha annunciato il numero di abbonati paganti è aumentata di 11 milioni, rispetto al trimestre precedente, raggiungendo i 155 milioni.

Ha inoltre confermato che, nonostante abbia aumentato il numero di utenti paganti, l'azienda continua a perdere soldi. Per cercare di contrastare queste perdite, qualche giorno fa Spotify ha annunciato che stava alzando il prezzo del piano famiglia in più paesi, piano che va da 14,99 a 15,99 euro al mese da marzo per gli attuali abbonati.

Proprio come è aumentato il numero di abbonati paganti, così è aumentato il numero di utenti della versione gratuita con gli annunci, con 190 milioni di utenti. Grazie a queste cifre, al 31 dicembre 2020, Spotify ha 345 milioni di utenti (combinando la versione a pagamento e quella gratuita).

Secondo il Wall Street Journal, gran parte della crescita che l'azienda ha registrato è dovuta a una combinazione di lunghe prove gratuite e offerte introduttive a basso costo nei mercati sviluppati, più alcuni quote più basse nei paesi in via di sviluppo, come nel caso dell'India.

L'azienda si è registrata perdite per 125 milioni di dollari, in sostanziale riduzione rispetto all'anno precedente, perdite che hanno raggiunto i 209 milioni di dollari. I ricavi da abbonamento hanno raggiunto 1.890 milioni di euro, mentre quelli ottenuti dalla pubblicità hanno raggiunto i 281 milioni di euro. Tradizionalmente, la quota delle entrate pubblicitarie di Spotify era inferiore al 10%, ma questa volta si attesta al 13%.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.