Frequenza di aggiornamento: tutto ciò che devi sapere sui 120 Hz del tuo iPhone

Il refresh rate o meglio gli "hertz" sono diventati i nuovi "megapixel" degli smartphone odierni, ed è proprio per questo che molte aziende si avventurano a proporre un numero maggiore di hertz sugli schermi dei propri dispositivi mobili come segnale di qualità, potenza o stato. Tuttavia, come per il numero di megapixel, più non significa sempre meglio.

Ti mostreremo in cosa consiste la frequenza di aggiornamento del tuo smartphone e quali sono le differenze tra tutte le alternative sul mercato. Solo allora saprai se vale davvero la pena acquistare un iPhone con una frequenza di aggiornamento più elevata sullo schermo.

Qual è la frequenza di aggiornamento del tuo schermo?

Per spiegare in cosa consiste il cool rate, è importante fermarsi un attimo nel funzionamento di uno schermo. Lontano da quanto possiamo immaginare, gli schermi non ci offrono un'immagine statica, gli schermi si spengono e si riaccendono costantemente ad una velocità elevatissima, in questo modo e alludendo a all'inizio della persistenza retinica, Ci dà l'impressione che lo schermo mantenga un'immagine permanente, ma nulla potrebbe essere più lontano dalla verità.

In che modo queste informazioni ci portano al concetto di frequenza di aggiornamento? Molto semplice, la frequenza di aggiornamento è sostanzialmente il numero di volte in cui lo schermo è in grado di accendersi e spegnersi, ovvero mostrare contenuti diversi, in un solo secondo, avete letto bene, in un solo secondo.

Fino a tempi relativamente recenti, tutti i telefoni cellulari avevano schermi da 60 Hertz, questo significa che si accendono e si spengono 60 volte al secondo. Tuttavia, la tecnologia sta avanzando e come potrebbe essere altrimenti anche i telefoni cellulari, in particolare l'iPhone.

Così, La maggior parte delle società di telefonia mobile ha lanciato negli ultimi anni terminali con frequenze di aggiornamento superiori a 60 Hz. come segno della qualità dei suoi pannelli e soprattutto del suo software. Apple, nonostante si sia presa il suo tempo, ha finito per includere anche questa tecnologia di frequenza di aggiornamento "più alta" nel suo iPhone, sebbene alcuni dispositivi come l'iPad Pro la avessero già in precedenza.

Vantaggi e svantaggi di una frequenza di aggiornamento più elevata

Ovviamente e come si potrebbe immaginare, non sono tutti vantaggi all'interno della possibilità di avere un refresh rate maggiore rispetto a quello che stiamo utilizzando ultimamente. Infatti, è possibile che nonostante le spiegazioni precedenti tu abbia ancora dei dubbi sui suoi benefici, citando il film Piccoli Guerrieri: "In che modo questo influisce sulle gorgoniti?"

Lo svantaggio principale dell'utilizzo di una frequenza di aggiornamento dello schermo più elevata è il maggiore consumo energetico. Teniamo conto che se prima lo schermo era spento e riacceso 60 volte, ora dovrai fare questo lavoro tra 90 e 120 volte nello stesso periodo di tempo, cioè un secondo. Ovviamente, ciò richiederà un maggiore flusso di illuminazione e, tra l'altro, un maggiore consumo energetico. Anche se bisogna tenere conto del fatto che si accendono e si spengono più volte ma questo non ha un impatto proporzionale sui consumi perché queste accensioni sono di durata più breve, tuttavia l'aumento dei consumi energetici è notevole.

E non è proprio solo il consumo di energia a far parte dell'elenco dei punti negativi dell'utilizzo di tariffe di ristoro più elevate. Seguendo la logica, il processore del dispositivo mobile o iPhone in questione dovrà lavorare di più in termini di elaborazione delle immagini, Ecco perché, oltre a un maggiore consumo di energia, ci sarà anche un maggiore consumo di risorse dal nostro cellulare.

Batterie del nuovo iPhone 13

Tuttavia, per molte persone questi svantaggi non superano il fatto che con frequenze di aggiornamento più elevate, generalmente comprese tra 90Hz e 120Hz, il nostro schermo offrirà il contenuto in modo più fluido, apprezzando il movimento in modo più accurato. Ciò è particolarmente interessante quando giochiamo tramite il telefono cellulare o navighiamo attraverso i menu di iOS, Tuttavia, non ha quasi ripercussioni quando si tratta di consumare contenuti multimediali poiché i video che guardiamo regolarmente e i film sono generalmente prodotti con frequenze di aggiornamento significativamente inferiori a 60 hertz.

In che modo il mio iPhone impedisce un maggiore consumo della batteria?

Come vi abbiamo già detto, uno dei principali svantaggi dell'utilizzo o dell'avere un refresh rate più elevato è proprio il consumo energetico. Per questa ragione La maggior parte dei telefoni Android con frequenze di aggiornamento superiori a 60 Hz dispone di un'impostazione che consente di disabilitare queste frequenze di aggiornamento più elevate. per avere un consumo della batteria più adeguato.

  • Impostazioni> Accessibilità> Movimento> Limita frequenza fotogrammi

Apple ha già pensato a tutto questo e ha rilasciato un tweak software chiamato ProMotion, non è né più né meno che una regolazione software che permette un arrangiamento di frequenza variabile in tempo reale, passando da 60Hz a 120Hz sullo schermo a seconda delle esigenze dell'applicazione che stiamo usando. Tuttavia, se lo desideri, puoi disattivare facilmente ProMotion.

In questo modo, Apple ha deciso di includere nella propria gamma iPhone frequenze di aggiornamento di 120Hz, mitigando così gli effetti negativi dell'utilizzo di questa tecnologia, nonostante l'utilizzo del sistema ProMotion, in ogni caso una frequenza di aggiornamento più elevata implica sempre un consumo di batteria maggiore, non importa quanto piccolo.

Qual è la frequenza di aggiornamento del mio iPhone?

L'arrivo del nuovo iPhone 13 è stato un nuovo assalto al settore della telefonia mobile intelligente da parte di Apple, tuttavia, non tutti i suoi nuovi dispositivi hanno ProMotion, ovvero una frequenza di aggiornamento di 120Hz, Questa tecnologia è riservata solo a iPhone 13 Pro e iPhone 13 Pro Max, sebbene il resto dei lanci dell'azienda in futuro dovrebbe includere la tecnologia ProMotion in tutte le sue versioni.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile del trattamento: AB Internet Networks 2008 SL
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.