Un confronto reale mostra che l'AirTag è il tracker più sicuro

AirTag contro piastrella

Da quando un paio di anni fa sono emerse voci secondo cui Apple stava progettando di lanciare un piccolo tracker, molti di noi hanno pensato che potesse essere un'arma a doppio taglio. Che la stessa cosa che è stata utilizzata per localizzare il tuo zaino smarrito, potrebbe essere utilizzata per conoscere la posizione di terze parti senza il tuo consenso.

Quindi Apple ha dovuto ritardare il rilascio del suo AirTags fino a quando non ha trovato un modo per evitare (per quanto possibile) detto spionaggio, aggiungendo una serie di modifiche a iOS che avrebbero avvisato la vittima di tali molestie digitali. Un confronto reale tra vari tracker lo dimostra.

Il New York Times ha appena pubblicato un interessante confronto tra diversi modelli di tracker, simulando il spionaggio di una persona senza il suo consenso. E il risultato supporta lo sforzo di Apple per evitarlo.

Kashmir Hill, giornalista del New York Times, ha pubblicato una prova molto interessante. Hill ne nascose tra gli effetti personali del marito (con il suo consenso, ovviamente), tre AirTagstre Piastrelle e localizzatore GPS con l'intenzione di spiare i suoi movimenti durante la giornata.

Sfortunatamente, il processo è iniziato come una sorpresa quando la figlia della coppia è risultata positiva al COVID-19 e il marito di Hill ha dovuto portarla in ospedale. È lì che è iniziato lo "spionaggio" del giornalista. E le posizioni più strette e in tempo reale provenivano senza dubbio dal localizzatore GPS che hai acquistato su Amazon.

Sia AirTag che Tiles hanno impiegato più tempo per fornire i dati e meno accurato, poiché utilizzano le proprie reti di dispositivi e ciò rende difficile la posizione esatta se la confrontiamo con un GPS.

Gli AirTag erano gli unici a mettere in guardia contro lo spionaggio

Entro due ore dall'essere "spiato", il marito di Hill ricevuto l'avviso sul tuo iPhone che un AirTag stava visualizzando la sua posizione. Non ha ricevuto alcun avviso né dal localizzatore GPS né dai Tiles.

Il problema con le tessere è che per ricevere una notifica sul tuo telefonino che una tessera vicina ti sta localizzando, devi avere l'applicazione di detto produttore installata. Ciò rende le possibilità di avviso da un tracker del genere molto basse.

Quindi, se uno stalker decide di spiare una persona senza il suo consenso, sceglierà prima di farlo con qualsiasi altro tracker sul mercato piuttosto che con un AirTag. Bravo per Apple.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile del trattamento: AB Internet Networks 2008 SL
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.