WhatsApp non censura messaggi di alcun tipo

Whastapp

In questi tempi si moltiplicano le bufale e le false notizie (fake news). L'ultima misura di WhatsApp per combatterli si è rivolta contro di loro con una bufala che sta funzionando a macchia d'olio e che è completamente falso: WhatsApp non censura nulla, limita solo l'inoltro dei messaggi. Spieghiamo tutto di seguito.

La prima cosa che dobbiamo chiarire è questa parleremo di due cose molto diverse, ma che la bufala che attraversa Internet e il nostro WhatsApp si mescola in modo del tutto intenzionale. Da un lato la misura adottata per limitare i tempi di inoltro di un messaggio a vari contatti, dall'altro la verifica delle fake news.

Limita l'inoltro dei messaggi

Tempo fa l'applicazione di messaggistica ha scelto di limitare l'inoltro dei messaggi a un massimo di cinque contatti o gruppi contemporaneamente. È stato un provvedimento che è stato varato proprio per la stessa cosa di cui parliamo oggi, la lotta alle bufale e alle false notizie, anche se in realtà è stata di scarsa utilità. Ecco perché ora ha scelto di andare oltre e a livello globale (insisto, in tutto il mondo) ha limitato l'inoltro di determinati messaggi a un singolo contatto o gruppo. Quali messaggi non possono essere inoltrati a più di una persona o gruppo? Quelle che ti sono state inoltrate molte volte, almeno cinque volte in precedenza.

Guarda l'immagine, due messaggi che sono stati inoltrati, ma in uno ci sono due frecce di inoltro, nell'altro solo uno. Il primo è stato contrassegnato da WhatsApp come un messaggio inoltrato più volte, il secondo no. Per questo motivo non è possibile inviare nuovamente il primo a più contatti e il secondo a un massimo di cinque. WhatsApp terrà conto anche se quel messaggio è stato creato da qualcuno dai tuoi contatti per contrassegnarlo in questo modo.

Questa misura non ha nulla a che fare con la verifica del contenuto, WhatsApp non contrassegna i messaggi in base al loro contenuto, ma solo in base al numero di volte in cui sono stati inoltrati. È anche che non poteva farlo, perché il contenuto dei messaggi è crittografato, quindi WhatsApp non lo sa. L'applicazione può limitare un video divertente di gattini, o un tweet con contenuto politico, è sufficiente contrassegnarlo in base al numero di volte inoltrato.

Controllo delle notizie

Relativamente alle fake news ma in modo completamente indipendente nella misura in cui abbiamo commentato in precedenza, Facebook (e WhatsApp) hanno iniziato a collaborare con diverse entità in tutto il mondo per facilitare la verifica di bufale e fake news agli utenti. In Spagna le due entità partecipanti sono «Maldito Bulo» (Maldita.es) e «Newtral» (Newtral.es), ma puoi vedere l'elenco completo delle entità da tutto il mondo in questo link al sito web di WhatsApp. Come funzionano queste entità? Non possono controllare in alcun modo i messaggi che ricevi o che invii, perché come ho sottolineato prima che siano crittografati, WhatsApp non conosce il contenuto.

In modo che Newtral, Maldita o qualsiasi altra entità nell'elenco possa verificare la veridicità delle notizie o dei messaggi che ricevi è necessario aggiungerli all'elenco dei contatti e inoltrare loro il messaggio direttamente, in modo che possano conoscere il contenuto e controllarlo e ti daranno la risposta quando lo avranno fatto. Ovviamente si tratta di qualcosa di completamente volontario e sempre su richiesta dell'utente, ripeto, non può essere fatto automaticamente con i vostri messaggi perché non vi ha accesso. Se vuoi aggiungerli alla tua lista dei contatti, nel link che ho messo prima che compaiano i loro numeri di telefono.

Smettiamola di scherzare

Come puoi vedere, si mescolano due cose che sono correlate ma molto diverse. Da un lato la limitazione all'inoltro dei messaggi, che è automatico, dall'altro il controllo delle notizie, che è sempre su richiesta dell'utente.. La mancanza di conoscenza o la cattiva intenzione ha creato una bufala su una misura che cerca di combatterli ... questa è la vita.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.