Apple vuole che i nostri contatti sappiano quando la correzione automatica ha fatto il suo dovere

Controlla l'ortografia su iPhone

A chi non è capitato che l'autocorrettore del suo smartphone abbia preso vita e abbia deciso di cambiare le parole di una frase per dire quello che gli piaceva? Il correzione automatica di un dispositivo mobile è una di quelle cose che amiamo e odiamo in egual misura. La correzione automatica ci permette di scrivere molto più velocemente senza quasi guardare quello che scriviamo, ma può succedere che nelle sue correzioni includa qualcosa che non volevamo scrivere e cambi totalmente il significato di una frase.

Sembra che anche Tim Cook e il suo team abbiano avuto questo tipo di problemi, quindi hanno lavorato su un file metodo per evitare confusione che possono metterci in grossi guai. Per fare questo, Apple ha brevettato un sistema molto semplice: quando una parola è stata modificata dalla correzione automatica, verrà contrassegnata in modo che il destinatario del messaggio sappia che la parola non è stata digitata manualmente. In questo modo, se il significato della frase non sembra il più appropriato, il nostro contatto saprà già a chi dare la colpa.

Brevetto per evitare confusione con l'Autocorrector

Correzione automatica dei brevetti

A questo punto, il sistema può sottolineare alcune parole in blu quando non sei sicuro che siano corretti o meno, qualcosa che vedremo più spesso quando avremo inserito un testo tramite dettatura vocale. Il problema è che questo tipo di contrassegno viene visualizzato solo nel messaggio del mittente e prima dell'invio del testo. L'idea di Apple sarebbe quella di utilizzare qualcosa di simile, ma la linea blu (o un altro colore) verrebbe vista anche dal destinatario del messaggio una volta che è stato inviato.

Il destinatario del messaggio potrà sapere che una parola è stata modificata, ma non potrà vedere quale fosse la parola originale, per la quale Apple consiglia già di chiedere al mittente. Ciò che non è del tutto chiaro è se questo sistema sottolineerebbe tutte le parole che ha corretto o solo quelle in cui non è sicuro che la correzione fosse corretta. Per uscire dai dubbi, dovremo aspettare, prima per vedere se usano questo brevetto e poi per vedere come funziona. Lo vedremo in iOS 10?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile del trattamento: AB Internet Networks 2008 SL
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.