Trambusto in Australia per Apple Pay e il rifiuto delle banche

piazza-apple-pay

Apple Pay sta procedendo sorprendentemente lentamente in Australia, molti non capiscono come a distanza di così tanti mesi dal suo lancio, sia consentito solo l'uso di carte Amex. Chiunque penserebbe che Apple non stia facendo bene il suo lavoro, ma in realtà il problema è che le banche australiane si rifiutano di supportare Apple Pay. Tuttavia i portavoce del partito di opposizione, il Labour Party, suggeriscono che questo rifiuto da parte delle banche costituisce un comportamento anticoncorrenziale, secondo i giornali australiani, che potrebbe forzare il progresso tecnologico che Apple Pay suppone.

L'argomento sta portando molta coda e uno dei motivi principali della mancanza di accordo è il calcolo delle tasse che ogni parte porta via. Come se le banche abbiano già preso poco della loro usura, vogliono anche approfittare di Apple Pay per non smettere di ricevere le vergognose commissioni che già prendono per il solo fatto di darti una carta

La Reserve Bank è stata esortata a esaminare il potenziale comportamento anticoncorrenziale nel mercato emergente dei pagamenti con carta, le banche hanno congelato il progresso del nuovo arrivato Apple Pay, impedendogli di crescere in una concorrenza leale senza una ragione apparente [...]

"Non si può negare ai consumatori australiani la possibilità di utilizzare metodi di pagamento apertamente disponibili per i consumatori di tutto il mondo", ha scritto Ed Husic.  "Senza dubbio alcuni sosterranno che questa mossa delle banche è anticoncorrenziale - sono certamente preoccupato per il fatto che al consumatore venga negato l'accesso a una piattaforma di pagamento sicura ed efficiente".

E così è il panorama di Apple Pay in Australia. Negli Stati Uniti, le banche prendono l'1% di ogni pagamento con carta, il che rende $ 1 su $ 100. Ebbene, Apple richiede 15 centesimi per ogni dollaro che la banca trattiene dalle commissioni, e le banche australiane non sembrano passare attraverso il cerchio.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile del trattamento: AB Internet Networks 2008 SL
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.